Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, patente ritirata per guida in stato di ebbrezza: disperato minaccia di suicidarsi

Genova. Era da poco passata la mezzanotte di domenica, quando alla centrale operativa della Polizia Municipale arriva una chiamata dalla centrale operativa dei Carabinieri. Il Commissario Pieniz, che ha appena preso servizio, pensa alla solita richiesta di intervento per qualche incidente stradale, ma non è così.

Al telefono il carabiniere riferisce di avere in linea una persona che ha manifestato il proposito di uccidersi, dicendo di volerlo fare perché la settimana scorsa ha avuto la propria patente ritirata per guida in stato di ebbrezza. Il commissario si fa passare la comunicazione, mentre i Carabinieri attivano la ricerca dell’uomo attraverso la localizzazione del cellulare con il metodo della triangolazione tra celle telefoniche.

E’ un metodo che consente di individuare la posizione di un cellulare con approssimazione di pochi metri, ma richiede diversi minuti per l’interrogazione delle celle. L’uomo al telefono è palesemente in uno stato di alterazione, ed è necessario trattenerlo al telefono per evitare che possa davvero commettere qualche sciocchezza.

Il commissario riesce ad instaurare un colloquio cordiale, tranquillizzando e confortando la persona e intrattenendola per circa trenta minuti, quando la linea si interrompe. Immediatamente viene richiamata la persona, che risponde, dicendo di essere in compagnia di una pattuglia della Polizia di Stato, e ringraziando il commissario per le parole di conforto.