Quantcast
Cronaca

Finto “Made in Italy” dall’oriente, articoli di pelle per le grandi boutique: maxi sequestro all’aeroporto di Genova

Genova. Continua la lotta contro il falso “Made in Italy”. Nei giorni scorsi i militari della guardia di finanza in servizio all’aeroporto Cristoforo Colombo hanno sequestrato a Genova e nella Regione Toscana oltre 22 mila oggetti in pelle recanti false indicazioni di provenienza nazionale.

Numerose borse, portachiavi, portafogli e tanti altri articoli erano stati importati in Italia dall’estremo oriente all’interno di confezioni in cui le immagini dei principali monumenti nazionali (dalla Torre di Pisa al Duomo di Milano, al Colosseo, ecc.) erano presentate in modo tale da indurre il consumatore a ritenere si trattasse di una lavorazione al 100% italiana.

L’analisi della documentazione contabile e doganale ha permesso ai Finanzieri di mostrare che la filiera della produzione era completamente stabilita in estremo medio oriente, dove il pellame arrivava ancora allo stato grezzo e da dove ripartiva già pronto per essere esposto nelle boutique di moda in Italia e nel mondo (dal Canada alla Corea del Sud), pregiandosi della nota ed apprezzata tradizione conciaria italiana.