Quantcast

Case, Crisi e tasse: a Genova prezzi in discesa da due anni. Calano Tigullio, Centro Ovest, ValPolcevera e Bassa Val Bisagno

Genova. Il mercato immobiliare ligure registra un andamento negativo meno grave rispetto agli ultimi periodi. A Genova la flessione delle compravendite è stata pari al – 6,6% (in linea con la media Italiana del -6,7%), mentre le quotazioni medie hanno avuto una contrazione pari al -3,9%. In particolare, sono state 3.384 le unità immobiliari scambiate negli ultimi sei mesi dello scorso anno nel capoluogo ligure e nella sua provincia. Questi i dati riportati nello studio pubblicato oggi dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con l’Ufficio Provinciale – Territorio di Genova.

In Liguria, nel 2° semestre 2013, le compravendite di unità immobiliari a destinazione abitativa sono state 7.026, di cui oltre 3000 ubicate nella provincia di Genova. A livello regionale si è registrata una contrazione del -3,2% pari a circa la metà di ciò che è stato osservato a livello nazionale (-6,7%). E’ importante notare come questo dato abbia declinazioni nettamente diverse nelle quattro province liguri: incremento delle compravendite a Savona (+4,2%) e Imperia (+2,3%); riduzione invece a Genova (-6,6%) e La Spezia (-9,3%).

Se si analizza l’andamento dei prezzi delle abitazioni, tra il 2° semestre e il 1° semestre 2013, si osserva come, a livello provinciale, alla contrazione delle compravendite abbia corrisposto una riduzione della quotazione media residenziale (-3,9%): questo succede per il quarto semestre consecutivo.
Il segnale di flessione ha riguardato soprattutto la macroarea provinciale del Golfo del Tigullio (-4,8% su base semestrale), mentre a Genova è risultato negativo il Centro Ovest e la Bassa Val Bisagno (-5,5%) e la Valpolcevera (-5,8%). Meglio il Levante (-2,8%) e le alture di Levante (2,9%).

La quotazione media più elevata per le abitazioni è confermata a Portofino dove, anche se sono state vendute solo 3
abitazioni nel secondo semestre 2013, il prezzo unitario ha superato i 10.000 euro al metro quadro. Seguono Santa Margherita
e Camogli con quotazioni medie oltre i 5.000 euro al metro quadro. La quotazione media del Comune di Genova è di 2.447
euro. Ma è molto variegata in base alle zone della città: 4.480 euro nel Levante, 3.419 nel Medio Levante, 2.444 nel Centro Est, 2.900 nel Centro Storico, 1.565 nel Centro Ovest, 2.495 nel Medio Ponente, 2.425 nel Ponente, 1.507 in Valpolcevera, 1.860 in Bassa Val Bisagno, 1.786 in Alta Val Bisagno, 1.061 sulle Alture di Ponente.