Quantcast

Calciomercato Sampdoria, tra sogni e realtà il vero colpo è Cacciatore

Genova.
Difficile parlare di mercato di questi tempi. Soprattutto per squadre come la Sampdoria che stanno sull’uscio ad aspettare buone prestazioni dei propri giocatori e scovarne di nuovi sperando che non si tiri su un’asta.

In mezzo a questo ci sono sogni, e presunti tali. Nomi altisonanti, quelli per dare esperienza come Cambiasso, o quelli per dare solidità offensiva come Bergessio.

Di vero, per ora, ci sono le comproprietà risolte. Tre destini diversi: per Gabbiadini la comproprietà è stata rinnovata e il ragazzo rimarrà a Genova.

Per Fiorillo, stesso destino, eppure il ragazzo è in cerca di una squadra. Il portiere blucerchiato, che ha alternato grandi prestazioni e errori marchini, ora si trova sempre a metà tra Samp e Juve ma non sembra che il suo futuro sia Bogliasco. Il ritiro però lo farà con la Juventus, come terzo portiere dopo Storari e Rubinho, in attesa del ritorno di Buffon dal mondiale.

Infine il ritorno del figliol prodico, quel Cacciatore che prima ha fatto ottimi campionati in Serie B, con ottime partite anche contro la Sampdoria ai play off che diedero alla squadra di Iachini l’accesso in serie A.

Poi il grande campionato con il Verona, con la ciliegina sulla torta di un gol allo Juventus Stadium. Nella risoluzione della comproprietà c’è sempre il rischio di sottovalutare quello che se effettuato tramite un investimento cospicuo sarebbe un ottimo rinforzo e un ottimo acquisto. D’altronde il Verona ha giocato un’ottima stagione e Cacciatore è stato sicuramente uno dei suoi protagonisti.

Su Fiorillo, la Samp e la Juventus hanno rinnovato la comproprietà. Ma il ragazzo non intende fare il terzo a Genova: la Samp infatti ha già come portieri Romero e Da Costa, entrambi con ingaggi piuttosto elevati. E così Fiorillo parteciperà al ritiro di Vinovo con Storari e Rubinho; al rientro di Buffon Marotta gli cercherà una nuova collocazione.