Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Assemblea industriali, lo sfogo di Burlando su Carige: “Ciò che è successo si sapeva dal 2006”

Più informazioni su

Genova. “Ciò che e’ successo in Banca Carige lo ha scritto il Corriere della Sera nel 2006: dal 2006 al 2014 lì dentro non è cambiato niente, lo sapevate da otto anni che qualcuno comprava un immobile a 10 milioni di euro e lo rivendeva il giorno dopo alle assicurazioni a 20 milioni, va bene cosi’? Non va bene cosi’! Finalmente mi tolgo da dentro una cosa che mi sono tenuto negli ultimi mesi”. E’ stato lo sfogo del presidente della Regione Liguria Claudio Burlando stasera a Genova a Palazzo Ducale al termine di un incontro organizzato da Confindustria Genova, riferendosi ad un articolo dell’ottobre 2006 in cui il Corriere denunciava il ruolo di Carige Assicurazioni e Carige Vita.

merlo doria burlando

“A Genova arriviamo a cambiare quando ce lo dice il governatore della Banca d’Italia che mi disse: o cambiate voi Banca Carige o commissariamo, si puo’ dire adesso o no? Adesso che e’ passato un po’ di tempo si puo’ dire o no? – denuncia Burlando – Io andai dall’allora Governatore della Banca d’Italia Mario Draghi, che ora e’ l’uomo piu’ potente d’Europa, e gli dissi: se ha scritto tutte queste cose qui su Banca Carige, sembrano vere. Il papa’ di Edoardo, Riccardo Garrone, fu il primo a denunciarle con grande chiarezza, altri imprenditori no”.

Durante l’assemblea degli industriali è emersa anche la necessità rivolta alle istituzioni locali di prendere decisioni in tempi ragionevoli.Inevitabile il riferimento alla questione gronda sui cui il sindaco di Genova Marco Doria ha risposto a margine dell’incontro: “Ovunque io vada i sindaci dell’Europa sanno cos’è il terzo valico e non sanno cosìè la gronda e, ancora, se se noi qualche anno fa avessimo fatto un termovalorizzatore su una discarica a rischio stabilità come Scarpino, immaginiamo cosa sarebbe successo adesso. Quindi le decisioni vanno assunte in tempi certi ma vanno valutate in tutti i loro aspetti”.