Quantcast

Yarn bombing, writers e artisti di strada, Genova festeggia una piazza ritrovata: i due anni dei Giardini Luzzati

Genova. Tanti eventi e per festeggiare i due anni dei Giardini Luzzati, una piazza ritrovata, un luogo di condivisione per i cittadini e di accoglienza turistica. “Festeggiamo rilanciando tutte le iniziative che hanno portato questa piazza a diventare un luogo attrattivo. Sarà una settimana fitta di eventi, dall’animazione per bambini, al basker point con artisti di strada, che speriamo possa diventare in futuro un vero e proprio festival – dichiara Marco Montoli, presidente dei Giardini Luzzati Nuova Associazione – poi avremo una giornata intera dedica a Lele Luzzati, in collaborazione con il Museo e il Teatro della Tosse, la ridecorazione della piazza con gli street artist e non ultimo lo Yarn Bombing”.

L’area, quindi, sarà riscritta e colorata tra writers, artisti di strada, spettacoli, musica e tanti eventi per una movida consapevole. “Questo spicchio di quartiere, da luogo abbandonato, è tornato ad essere un centro conosciuto e di aggregazione, ma non tutto è così – conclude Montoli – Nella Ravecca, ad esempio, ci sono 50 negozi di cui 35 chiusi, quindi il tessuto va rilanciato nella sua complessità”.
Il quartiere cerca il rilancio e in alcune zone lo ha già trovato. “Credo che questa sia una delle principali esperienze di riqualificazione – dichiara il presidente del Municipio Centro Est, Simone Leoncini – questa piazza poteva diventare un non luogo e invece grazie all’associazione che da due anni ha preso in mano il bando, il risanamento sta andando avanti molto bene. Qualche mese, nel nostro municipio, abbiamo anche inaugurato una scuola che è un centro di eccellenza, ma l’attenzione deve essere ancora maggiore e in particolare stiamo cercando insieme alle associazioni di creare molti servizi legati all’infanzia”.

Parlando prettamente di “Intrecci Urbani – Yarn Bombing”, quest’anno le installazioni a Genova sono ben 9, quindi non solo quella stupenda dei Giardini Luzzati. Rita Parisone, ufficio cultura e città Comune di Genova. “Questa è la seconda edizioni di Intrecci Urbani e mentre l’anno scorso aveva coinvolto solo il Porto Antico, quest’anno riguarda i 9 municipi, quindi 9 installazioni che coprono tutta Genova, da ponente e levante – spiega Rita Parisone, ufficio Cultura e Città del Comune di Genova – saranno più di 1200 le persone coinvolte e verrà utilizzata più di una tonnellata di lana”.

Una settimana di festeggiamenti iniziata alla grande, che sicuramente non deluderà le aspettative di grandi e piccini. Leggi qui il programma completo.