Quantcast
Cronaca

Piaggio Aero, “Sestri Ponente non si tocca”: dalla messa allo stadio, Genova vicina ai lavoratori

Genova. Sacro e profano si sono mescolati oggi a sostegno dei lavoratori genovesi di Piaggio Aero, impegnati in una difficile vertenza per cambiare il piano industriale dell’azienda che prevede la chiusura della produzione nello stabilimento di Sestri Ponente, esuberi ed esternalizzazioni.

Arrivata la lettera da Roma, con cui il ministero ha rinviato l’incontro cruciale di domani, per approfondimenti, e sospeso lo sciopero nella fabbrica genovese, l’attenzione e la solidarietà nei confronti dello storico stabilimento è ancora alta. Stamani sotto un gazebo in Via Cibrario è stata celebrata l’insolita messa “in solidarietà con i lavoratori in lotta”. La comunità sestrese si è stretta nuovamente intorno alle maestranze di Piaggio Aero in una vicinanza solidale che dura da sempre. Presenti anche alcuni consiglieri comunali, il presidente del Municipio, ma anche tante persone comuni, simbolo di un quartiere che non dimentica le sue origini e i suoi lavoratori.

“Questo è un quartiere operaio – ha detto uno dei lavoratori – che non dimentica la propria storia. Ora c’è una tregua, aspettando il nuovo appuntamento a Roma, e questi sono giorni di riflessione”. Terminata la messa un lavoratore ha letto il testo di una canzone scritta nei giorni del presidio e dedicata alla lotta per la difesa dello
stabilimento Piaggio di Sestri Ponente.

Nel primo pomeriggio, dall’altra parte della città, nello stadio di Marassi i giocatori della Sampdoria, durante il riscaldamento, hanno indossato le T-Shirt ormai famose in città: “Piaggio Aero. Sestri Ponente non si tocca”.

I lavoratori di Sestri Ponente domani torneranno al proprio posto di lavoro, mantenendo però il blocco degli straordinari e gli striscioni contro l’azienda davanti alle portinerie della fabbrica. Mercoledì ci sarà una nuova assemblea.