Quantcast
Politica

Il ministro Maurizio Lupi a Santa Margherita e Rapallo

Santa Margherita. “Dobbiamo dare il segnale: la nautica è un’eccellenza per il paese e il turismo del diporto è un’altra eccellenza. Dobbiamo fare tornare i turisti a visitare le nostre coste e per fare questo occorre non criminalizzare questo settore”.

Lo ha detto il ministro Trasporti Maurizio Lupi in occasione della convention Satec organizzata da Ucina, Confindustria nautica. Il ministro commentando il ritorno del ‘Bollino blu’, ha aggiunto: “i controlli si possono fare, ma in maniera coordinata e il più possibile in porto”.

Lupi ha fatto anche riferimento alla tassa sullo stazionamento, poi trasformata in tassa di possesso delle barche, che, ha sottolineato “aveva procurato grandi danni anziché incassi”, ricordando che il governo è intervenuto per correggere il provvedimento. Lupi ha quindi definito di “buonsenso” la proposta di Ucina di “equiparare l’Iva applicata ai porti turistici a quella applicata agli hotel o ai campeggi al 10%”. “Stiamo discutendo col ministro del turismo. Giovedì
arriverà in consiglio dei ministri un decreto per il rilancio del turismo”, ha spiegato Lupi.

Il ministro si è poi recato a Rapallo. Breve tappa nel point elettorale di Carlo Bagnasco e poi sosta in piazza Pastene. Lì, in prossimità della foce del torrente San Francesco, gli esponenti della coalizione hanno sottoposto all’attenzione del Ministro l’annosa questione: la copertura (sulla quale, in casi eccezionali come la chiusura della tratta autostradale, transitano anche mezzi pesanti) andrebbe demolita e ricostruita, il Comune di Rapallo – essendo virtuoso – avrebbe le possibilità economiche per affrontare l’intervento di messa in sicurezza, ma ha le mani legate dai vincoli imposti dal patto di stabilità.

La risposta di Lupi è stata rassicurante: “Assieme al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti siamo al lavoro per far sì che i Comuni possano agire in deroga al patto di stabilità e investire soldi per interventi di manutenzione straordinaria volti ad impedire il dissesto idrogeologico – ha sottolineato il titolare del dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Il tema della copertura sul torrente che mi è stato sottoposto è il tipico esempio di quanto sia importante fare investimenti in ottica di prevenzione dei rischi. Il rifacimento della copertura sul San Francesco e il dragaggio del porto – ha aggiunto poi il Ministro, rivolgendosi a Carlo Bagnasco – sono tuoi e nostri impegni. Dobbiamo passare dalle parole ai fatti e da subito, rinnovando la classe dirigente e aprendo ai giovani”.