Quantcast
Politica

Elezioni comunali 2014, Bagnasco doppia Capurro: a Rapallo si va al ballottaggio

municipio rapallo

Rapallo. Rapallo, unico comune del genovese sopra i 15 mila abitanti di questa tornata elettorale, andrà, come da pronostici, al ballottaggio.

A contendersi la poltrona di sindaco saranno Carlo Bagnasco (sostenuto dalle liste civiche di centrodestra Forza Rapallo, Popolari per Rapallo, Bagnasco sindaco, Stabilità innovazione e Brigati per Rapallo) che al primo turno ha sfiorato il 40% (39,98%) e lo sfidante Armando Ezio Capurro (Pd, Progetto Rapallo 2014, Insieme per Capurro, Noi con Capurro, Circolo via della libertà 61), già sindaco di Rapallo e consigliere regionale nella Lista Noi per Burlando, che invece si è fermato al 19,98%.

Al terzo posto, a poca distanza, con il 17, 84% si è affermato Giorgio Costa, ultimo sindaco della cittadina rivierasca, poi costretto a lasciare per le dimissioni improvvise dei suoi consiglieri di maggioranza.

Il candidato del M5S, Paolo Solari, ha raccolto invece l’8,91%, percentuale molto inferiore rispetto al dato delle europee.
Fabio Mustorgi, sostenuto da Fratelli di Italia e 100 Rapallo arriva al 4,40%. Mentre la sinistra, che si presentava divisa, ha visto un testa a testa tra il candidato Pcl, Andrea Carannante (2, 89%), e quello di Rifondazione Comunista, Matteo Melis (2,84%). Gabriele Vecchia in corsa per la Lega Nord ha preso invece 2,05%. Ultimo dei nove contendenti, Nicola Fenelli, Nuova Democrazia Cristiana all’1,10%.

E se Rapallo stamani si è svegliata con un Pd al 32%, a differenza delle europee l’andamento delle amministrative ha consegnato uno scenario ben diverso. “Ieri sera ero un po’ preoccupato con un Pd così forte – ha commentato Bagnasco – ma poi ho pensato che qui a Rapallo c’era Capurro, è così negativo che è riuscito a buttare giù anche il Pd. Se fossi Renzi gli chiederei i danni”.

Da domani inizierà la campagna per il ballottaggio del prossimo 8 giugno. Difficile pensare che il terzo incomodo Giorgio Costa dimentichi il passato.