Quantcast
Economia

Ascom, Fepag, Fiavet, Ugal-sindacati: sottoscritto accordo di secondo livello

genova panorama

Genova. Venerdì 23 maggio, presso la sede ASCOM-CONFCOMMERCIO Imprese per L’Italia della Provincia di Genova è stato sottoscritto l’Accordo di II livello da parte di ASCOM-CONFCOMMERCIO congiuntamente a FEPAG (Pubblici Esercizi) FIAVET (pubblici esercizi settore Agenzie di Viaggio, U.G.A.L (Associazione Albergatori Levante) e Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL. Come noto, infatti, per i lavoratori dipendenti è stata introdotta un’agevolazione fiscale già dal 2008 consistente in una tassazione ridotta (imposta sostitutiva del 10%) sulle componenti accessorie della retribuzione corrisposte in relazione ad incrementi di produttività.

L’accordo è stato raggiunto proprio per permettere di assoggettare all’agevolazione fiscale del 10% le somme percepite nel 2014 dai dipendenti e correlate ad incrementi di produttività, qualità e redditività.

Per l’anno 2014 il DPCM del 19 febbraio fissa l’importo massimo assoggettabile all’imposta sostitutiva in euro 3mila lordi mentre il limite massimo di reddito annuo oltre il quale non si può usufruire della tassazione sostitutiva viene fissato in 40mila euro lordi.

“L’obiettivo comune della tassazione agevolata consiste sia nell’incrementare la produttività del lavoro ma anche di accrescere il potere di acquisto delle famiglie – dichiara Oscar Cattaneo di ASCOM – in un momento di forte crisi economica e di pressione fiscale alle stelle è importante dare un forte segnale alle nostre imprese che continuano ad investire sul capitale umano ”.
“Siamo soddisfatti della sottoscrizione del verbale sulla detassazione – afferma il Presidente Albergatori del Levante Aldo Werdin in quanto il nostro territorio caratterizzato da flussi turistici difficili da prevenire può contare sull’investimento delle risorse umane che potranno vedere un reale riscontro del loro lavoro in busta paga”.

L’accordo riguarderà l’intero anno 2014 e permetterà, nel rispetto di quanto prevede la normativa vigente, di considerare incrementi di produttività, redditività, innovazione, ed efficienza organizzativi istituti economici come il lavoro straordinario ma anche il lavoro supplementare, i compensi per clausole elastiche e flessibili il lavoro domenicale o festivo anche svolto in normale orario di lavoro oltre ai premi variabili di rendimento ed efficienza organizzativa.

“E’ evidente – aggiunge Alessandro CAVO Presidente di FEPAG per la Provincia di Genova l’accordo tende a migliorare la competitività aziendale e noi siamo fiduciosi di riuscire ad uscire da questa crisi rilanciando le nostre imprese ed investendo sulle risorse umane.

Nonostante a livello nazionale non si sia ancora riusciti a definire il rinnovo del CCNL a livello locale siamo riusciti a trovare questa intesa con le OO.SS che deve essere vista come segnale di unione per poter uscire dalla crisi

______________