Quantcast
Economia

Ansaldo Energia, Tamagnini (Fsi): “Presto quotazione in Borsa”

Ansaldo

Genova. Ansaldo Energia sbarcherà in Borsa tramite “la vendita del 15% di Finmeccanica e la messa sul mercato di quote pro-rata da parte di Fsi e da parte di Shanghai Electric”. E’ quanto ha annunciato oggi Maurizio Tamagnini, ad di Fsi durante la cerimonia di firma dell’accordo con i cinesi che hanno acquistato il 40% di Ansaldo.

Tamagnini ha spiegato che “eè un accordo di lungo periodo quello sottoscritto oggi con Shanghai Electric per l’ingresso del gruppo cinese nel capitale di Ansaldo Energia con il 40%. Con l’intesa – ha aggiunto – Fsi, che mantiene la sua funzione di socio di lungo periodo, accompagnerà Ansaldo, in un tempo non lontano, alla quotazione”.

“Fsi rimarrà azionista di riferimento, e se servirà ci sara’ anche un aumento di capitale” ha aggiunto. L’Ad di Cassa Depositi e Prestiti Gorno Tempini ha spiegato che “l’accordo fra Fondo strategico italiano e il gruppo cinese Shanghai Electric rappresenta la garanzia per Ansaldo Energia di un futuro di sviluppo con prospettive di crescita importanti”.

Franco Bassanini, presidente di Cdp, ha evidenziato il fatto che “arrivano investimenti stranieri anche nel nostro Paese, e in in una storica eccellenza italiana. Siamo riusciti a trovare
l’accordo in tempi molto brevi”. “L’intesa garantisce ad Ansaldo Energia un futuro importante, l’ingresso in nuovi mercati, partnership di rilievo, e consentirà il mantenimento dell’occupazione a Genova”.

Oltre che con i cinesi di Shanghai Electric, Ansaldo Energia ha firmato oggi anche un accordo di collaborazione tecnologica con la coreana Doosan Heavy Industries. Lo ha annunciato l’ad di Ansaldo Giuseppe Zampini. Si tratta di un progetto di ricerca per lo sviluppo di una nuova turbina a gas destinata ai Paesi con rete elettrica a frequenza 60Hz (Nord America, Brasile, Arabia Saudita, Corea). Il progetto sarà in parte finanziato dal Governo Coreano.