Cronaca

Allergie, ne soffre un ligure su tre: a Genova il primo censimento, progetto pilota in Italia

Liguria. In Liguria un cittadino su tre soffre di allergie. Si stima che cinquecentomila persone abbiano una o più allergie con cui fare i conti quotidianamente.

Di questo campione di allergici, la metà risiede a Genova. Ed una ampia fascia di queste persone non è consapevole di soffrire di questa patologia assai diffusa. Sono questi i dati più recenti, di natura statistica, aggiornati dalla comunità scientifica internazionale (dati estrapolati dagli esiti del convegno internazionale “Highlights in allergy and respiratory diseases”, Genova, novembre 2013). Numeri, dunque, “a campione”, che tracciano un quadro necessariamente generico.

Per questo oggi i titolari di farmacia privata associati in Federfarma Genova, FederASMA e ALLERGIE Onlus e l’Associazione Ligure Allergici hanno creato una sinergia promuovendo un censimento di tutti gli allergici presenti sul territorio genovese e una campagna informativa per condurre i genovesi alla piena coscienza di quali siano i sintomi e le possibili conseguenze sulla qualità della vita delle diverse allergie.

L’allergia è una vera e propria malattia, studiata e curata da medici specialisti, che nei casi più gravi può condurre anche alla morte. E’ un fenomeno in crescita, anche in relazione alle variazioni climatiche e al crescente utilizzo di farmaci. E colpisce tutte le fasce di età, mettendo a rischio anche i nostri bambini attraverso le allergie alimentari e, talvolta, un fenomeno poco noto, le “cross allergie”, ovvero le allergie incrociate.

Nelle 299 farmacie della provincia di Genova, che si avvalgono di 1504 operatori e contano un milione di contatti con pazienti al mese, da lunedì 5 maggio fino a venerdì 6 giugno, prenderà corpo la campagna di censimento e informativa sull’incidenza dell’allergia sul territorio, con particolare riferimento alle allergie di carattere respiratorio con esito asmatico che, nel bambino, possono essere assunte come indicatore di allergie di altra natura.

Il progetto, nato in ambito europeo, è stato portato in Italia grazie all’impegno di Giorgio Salerni, presidente di ALA nonché responsabile per FederASMA e ALLERGIE Onlus dei contatti internazionali, e ha avuto il contributo scientifico della dottoressa Paola Minale, dirigente medico presso la U.O. C. Allergologia del San Martino, membro del Comitato Scientifico di FederASMA e ALLERGIE.

Tre le linee guida della campagna: Compilazione di un questionario tematico per analizzare l’eventuale presenza della patologia con metodo scientifico. Distribuzione di materiale informativo specialistico e di semplice fruizione per conoscere l’allergia, le sue cause scatenanti, la profilassi per prevenirne l’insorgenza.
La possibilità di effettuare l’innovativo test istantaneo (Prima Home Test) che consente di verificare se si è soggetti allergici.

“In Italia si stima che 10 milioni di persone manifestino sintomi allergici, 3 milioni soffrano di asma – commenta il presidente di Federfama Genova Giuseppe Castello – Di questi, un bambino su 10 manifesta sintomi asmatici, uno su tre soffre di allergia. A Genova gli allergici sono 250mila. Bastano questi dati per comprendere come sia urgente approfondire la nostra conoscenza sul fenomeno delle allergie. Abbiamo dunque accolto con grande favore l’opportunità di contribuire con la nostra rete territoriale ed i nostri quotidiani contatti con i cittadini a questa campagna conoscitiva ed informativa proposta da FederASMA e ALLERGIE Onlus. Una campagna anche pragmatica perché consente di testare anche in modo scientifico, con l’Home Test, se si è soggetti allergici”.

“A fronte di un costante aumento dei pazienti che soffrono di allergie, riteniamo indispensabile fare uscire allo scoperto la patologia – spiega Massimo Alfieri, vice presidente di FederASMA e ALLERGIE Onlus – Molte persone ignorano di essere affette da questa patologia e fanno automedicina. Spesso si rivolgono al primo presidio sanitario, che è proprio la farmacia. Da qui nasce la l’idea della partnership per arrivare a comporre un dato scientifico sull’incidenza delle allergie a Genova”. Il capoluogo ligure è stato assunto come città pilota in Italia. “In Europa in precedenza il censimento è stato fatto solo in Austria, a Vienna, dove le farmacie sono trecento – aggiunge Alfieri – A Genova c’è lo stesso numero di farmacie. E’ dunque possibile avviare un primo confronto, prima di estendere il progetto sul piano nazionale”.