Quantcast
Cronaca

Via Gramsci e dintorni. Il primo distrae, l’altro razzia le macchine in sosta: 50 colpi negli ultimi mesi

Genova. Colpiscono principalmente donne, ma non solo. L’importante, per loro, sembra essere che le vittime siano sole in automobile. Sarebbero, secondo i Carabinieri che si occupano delle indagini, gli autori di circa 50 furti avvenuti nella zona di via Gramsci.

Sono almeno due, giovani e stranieri. Aspettano, spesso facendo finta di attendere l’autobus, una malcapitata vittima che sosti lì vicino. Una volta adocchiata, le si avvicinano. Il primo la distrae, chiedendole un’informazione, il secondo colpisce rapidamente: apre la portiera del passeggero e porta via una borsa o un portafoglio. Il tempo di intervenire non c’è: quando la vittima si accorge del furto, sono già spariti.

In altri casi fingono di aiutare l’automobilista e segnalano uno pneumatico sgonfio (naturalmente manomesso da loro) per approfittare di pochi istanti di distrazione. Negli ultimi mesi le denunce delle vittime, tutte molto simili tra loro, troppe per non attirare l’attenzione, si sono accumulate sulle scrivanie delle forze dell’ordine.

Le indagini sono naturalmente ancora in corso. Nell’attesa che arrivino i risultati, se sostate con la vostra automobile, magari solo per qualche minuto in attesa di dare un passaggio ad un amico, chiudetela a chiave.