Quantcast

Turismo, Genova fa il “pieno” nel ponte di Pasqua: tanti stranieri e segnali di ripresa del mercato italiano

Genova fa il “pieno” di turisti nel week end pasquale, primo dei lunghi ponti festivi di aprile/maggio. Gli hotel segnalano indici di occupazione che vanno dall’80% al 100%. Esauriti praticamente tutti gli alberghi del centro, dai due ai cinque stelle. Da segnalare l’ottima performance del nuovo hotel “Nologo”, il due stelle di nuova concezione recentemente aperto in viale Sauli, già completo praticamente per tutti i week end e ponti di primavera. Il 50% dei turisti è straniero, il 50% italiano, a conferma della tendenza in atto da tempo, ma finalmente con qualche segnale di ripresa anche del mercato italiano.

Numeri importanti per l’aeroporto: da giovedì 17 a sabato 19 sono atterrati nello scalo genovese oltre 12.000 passeggeri, con un aumento del 60% rispetto al 2013 (7.500 passeggeri): anche in questo caso circa il 50% sono stranieri, con una forte presenza di inglesi (British Airways e Ryanair segnalano un indice di occupazione dei voli superiore all’80%) e una buona affluenza, fra gli italiani, di turisti provenienti dalle regioni meridionali (in particolare Puglia e Sicilia, collegate con voli aerei diretti Volotea e Ryanair). Tiene molto bene anche il volo diretto da Mosca, operato da S7.

Grande successo per le visite ai musei della nostra città. In particolare, i Musei di Strada Nuova hanno fatto registrare un incremento di oltre il 30 per cento rispetto al periodo pasquale 2013. Grande affluenza anche all’Acquario, al Galata Museo del Mare e alla Città dei Bambini nel week end pasquale, sino alle ore 16 di oggi, lunedì 21 aprile, l’Acquario ha avuto 23000 visitatori, il Galata Museo del Mare 3500, mentre i visitatori della Città dei Bambini sono stati 4900.

215 gli esercizi commerciali aperti in città (l’elenco completo ed aggiornato è disponibile sul portale di promozione della città del Comune di Genova, visitgenoa.it , e sul sito della Camera di Commercio). In particolare sono rimasti aperti ristoranti e pubblici esercizi, ma non mancano negozi turistici e di generi diversi; si segnala, fra l’altro, l’ottimo andamento delle vendite della linea di merchandising “Genova more than this”, ispirata al nuovo brand di Genova.