Tormentone Happy, quando a ballare (e a sorridere) sono gli anziani della casa di riposo Don Orione (VIDEO)

Genova. Un ballo sulle note di Happy la canzone di Pharrell Williams, ma in un luogo speciale per riportare il sorriso dove a volte sorridere diventa difficile. Siamo alla casa di riposo Don Orione nel levante genovese, una struttura che ospita circa 220 persone. Una casa di riposo per anziani, che accoglie anche persone in gravi difficoltà fisiche o psichiche.

Qui i tre animatori della struttura – decisamente pochi per il numero di ospiti – ce la mettono tutta per coinvolgere i degenti nelle iniziative di ogni giorno “perché la depressione soprattutto nei pazienti anziani è il male più diffuso, più difficile da scovare e anche da curare” racconta Simone Magnanego, uno dei tre animatori della struttura.

Così “tutti i giorni formiamo due-tre gruppi, al mattino ci occupiamo della lettura dei giornali, facciamo cruciverba e altre attività per la mente, al pomeriggio facciamo musica, giochi di parole e altre attività manuali”. Uno dei fiori all’occhiello della Don Orione è stato quest’anno il presepe natalizio: “Ci abbiamo lavorato da maggio a Natale allo scopo di ricreare una Genova medievale fatta per il 90% con materiale di riciclo”. E il lavoro non è finito: “Il presepe è diventato permanente e c’è chi sta lavorando per arricchirlo costruendo la cattedrale di San Lorenzo”.

E quando il tormentone Happy ha cominciato a circolare per il web con l’invito a ballare, Simone e i suoi colleghi non hanno perso tempo: “Una bella occasione per fare qualcosa di simpatico per gli ospiti ma anche per chi alla Don Orione ci lavora ogni giorno”. Un paio di pomeriggi di lavoro che hanno coinvolto gli ospiti di ogni età, gli infermieri e i medici e il risultato parla da sé. Potere terapeutico della musica, che funziona – almeno a guardare il video – meglio di qualsiasi farmaco.