Quantcast
Sport

Rugby, Serie A1: la Pro Recco centra il traguardo playoffrisultati

Recco. L’Aircom Pro Recco è ammessa ai playoff per il secondo anno consecutivo. Un successo molto atteso che viene dopo una stagione agonistica giocata sempre a ritmi intensi. I Lyons Piacenza saranno gli avversari: una grande società, una scuola di rugby di livello, due confronti tra partita di andata e ritorno da seguire con passione.

Il primo obiettivo stagionale è stato dunque raggiunto con un turno di anticipo, ed è stata anche riconfermata l’inviolabilità del Carlo Androne per la seconda stagione di seguito: gli squali non perdono in casa da maggio 2012.

Partita non brillantissima quella dei ragazzi guidati da Villagra, tesi per l’importanza della posta in palio e forse un po’ deconcentrati dal prolungarsi del riscaldamento e dell’attesa: il direttore di gara è arrivato al campo in forte ritardo e la partita è iniziata 50 minuti dopo l’orario previsto.

Sono comunque arrivate tre mete (di Orlandi, Torchia e Neri) e, nonostante il gioco molto contratto, è stata conquistata la vittoria: la 10ª casalinga (più il pareggio con L’Aquila), la 14ª stagionale e la 4ª consecutiva.

Al termine della stagione regolare manca adesso una sola partita, quella valida per l’11ª giornata di ritorno, che vedrà gli squali impegnati sul campo del fanalino di coda Romagna. L’obiettivo è la conquista dei 5 punti, per cercare di superare sul filo di lana i Lyons Piacenza, già prossimi avversari sicuri dei biancocelesti nelle semifinali dei playoff e attualmente secondi in classifica con 4 punti di vantaggio.

Le tre squadre ad essersi guadagnate l’accesso ai playoff promozione in Eccellenza sono dunque L’Aquila Rugby, Lyons Piacenza e Pro Recco Rugby. Sono già retrocesse in Serie A2, ed affronteranno i playout per non precipitare in B, Romagna Rugby e Firenze Rugby. A sfidare la seconda classificata della A2 per cercare di conservare il posto in Serie A1 saranno il Rubano, l’Udine o il Brescia, ancora tutte e tre potenzialmente in lotta per l’8° e il 9° posto, che significherebbero salvezza certa.

Al termine del campionato verrà osservato un turno di riposo e poi, a partire dal 18 maggio, avranno inizio le sfide di andata e ritorno di playoff e playout, con la finale nazionale di Serie A fissata per domenica 1 giugno.

Il tabellino:
Aircom Pro Recco – Rugby Brescia 19-14 (p.t. 17-7) (punti: 4-1)
Aircom Pro Recco: Neri, Cinquemani (s.t. 21° Gonzalez), Bisso (s.t. 26° Correoso), Torchia, D’Agostini, Becerra, Villagra, Salsi, Rosa (s.t. 21° Ciotoli), Orlandi, Rapone, Maggi (s.t. 6° Narcisi), Galli (s.t. 30° Sciacchitano), Noto (s.t. 26° Bedocchi), Cafaro. All. Villagra.
Rugby Brescia: Cogoli, Lepre, Secchi, Squizzato, E. Pagani, Antl, Festa; Fierro (s.t. 8° M. Romano), M. Ferrari, Radici; Reboldi, Pola, Saviello (s.t. 30° G. Pagani), Azzini, Aluigi. All. Pisati.
Arbitro: Sgardiolo (Rovigo).

Marcatori: p.t. 20° m. Orlandi tr. Becerra 7-0, 25° m. Torchia (Recco) tr. Becerra 14-0, 34° m. Festa (Brescia) tr. Cogoli 14-7; s.t. 20° m. Neri (Recco) 19-7, 42° m. Azzini (Brescia) tr. G. Pagani 19-14.
Cartellini gialli: s.t. 33° Sciacchitano (Recco).