Quantcast
Cronaca

“La Piaggio Aero di Sestri non si tocca”, partito il corteo: commercianti, cittadini e istituzioni al fianco dei lavoratori

Genova. Agg.h.11.1o. Il corteo è arrivato in piazza Baracca, dove è stato montato il palco per il comizio finale. Al fianco dei lavoratori la giunta regionale, in primis il governatore Burlando, e la giunta comunale rappresentata dal sindaco Doria, che ha preso parola sul palco, il vicesindaco Bernini e l’assessore Oddone. Presenti anche numerosi consiglieri comunali e regionali.

Agg.h.9.50. Il corteo dei lavoratori Piaggio Aero è partito dallo stabilimento. Insieme a loro, che indossano magliette con la scritta “La Piaggio Aero di Sestri Ponente non si tocca”, ci sono anche i lavoratori dell’Ilva, un delegazione della Culmv, i tassisti e tra poco arriveranno anche i colleghi della Selex. Tra le istituzioni, invece, uno dei primi ad arrivare è stato il presidente della Regione, Claudio Burlando, che sta sfilando in corteo.

I lavoratori di Piaggio Aero scendono ancora una volta in piazza per difendere non soltanto il proprio lavoro, ma una realtà produttiva storica e fondamentale per la città.

“Si vuole mettere in forse il destino di 550 persone che verrebbero espulse dall’azienda a causa di una scellerata decisione di chiudere il sito produttivo di Genova e di appaltare la produzione di aerei, una realtà industriale che la città non può permettersi di perdere”, spiegano i sindacati.

Da qui l’appello. “Genova e le sue istituzioni si pronuncino chiaramente in difesa del sito produttivo e dei suoi posti di lavoro – proseguono – la città non può perdere questa importante realtà industriale”.

I lavoratori scioperano dalle ore 9.30 alle 12.30 ed in corteo, da via Sestri raggiungeranno piazza Baracca intorno alle 11 per unirsi ai cittadini e ai commercianti. L’obiettivo è quello di lottare tutti insieme per difendere lo stabilimento.

In piazza, in segno di solidarietà ai colleghi, scenderanno anche i lavoratori della Selex Es.