Quantcast

Genoa perfetto per un tempo, poi tanta moviola: finisce 1 a 1 a Bergamo contro l’Atalanta

Bergamo. Salvezza diventata ufficiale dopo la sconfitta del Bologna, contestazione incassata dopo le svariate sconfitta, Sampdoria che è passata a più cinque. Per riprendersi una partita non facile contro una Atalanta ferita, ma allo stesso tempo tranquilla.

Gian Piero Gasperini sceglie Perin in porta, in difesa Antonini, Portanova e Marchese, sulla linea della mediana Vrsaljko, Sturaro, Bertolacci e Antonelli, la linea alta Fetfatzidis, Gilardino e De Ceglie che dovrebbe fare da spola per trasformare l’ipotetico 4-3-3.

Il primo pericolo è dalla sinistra ad opera di Baselli che calcia bene al limite dell’area senza trovare la porta.

Il Genoa gioca molto coperto, capace di difendere la propria area e poi ripartire. Al 12’ appoggio di Vrsaljko per Bertolacci, tiro sicuro e preciso che si stampa sul palo.
SI arriva al 20’ è le occasioni rimangono una per parte, il Genoa appare più lucido quando riesce a impostare, l’Atalanta quado attacca gli spazi centralmente. Al 21’ Vrsaljko mette in mezzo per Fetfatzidis che nello stretto innesca Gilardino. Esce Consigli. Subito dopo il greco è innescato da Gilardino (e da un errore della difesa bergamasca): incrocia con l’esterno sinistro invece che con il destro. Parata non facile comunque.

Il Genoa insiste e offre fraseggi pregevoli. Al 27’ grande azione tra Fetfatzidis, Antonelli e colpo di testa di De Ceglie: Genoa in vantaggio. L’Atalanta accusa il colpo e ci mette un po’ a riorganizzare una reazione. Al 37’ da calcio piazzato taglio di Bonaventura perso dalla difesa rossoblù, appoggio per Stendardo che non ci arriva. Rischio per il Grifone, che però ribalta subito l’azione, dalla sinistra Bertolacci mette un pallone perfetto per Vrsaljko che però non trova il pallone. Finisce così il primo tempo, con un Genoa perfetto.

Il secondo tempo comincia con i padroni di casa più arrembanti. Al 50’ sciagurato intervento di Portanova, che commette fallo da rigore come ultimo uomo. La punizione forse è eccessiva ma l’entrata di Portanova è scomposta. Batte Denis, e parata straordinaria di Perin. Gasperini toglie subito Fetfazidis è mette dentro Burdisso. L’Atalanta prova a premere, ma il Genoa si difende bene. Al 64 traversa di De Luca, ma l’arbitro fischia un fallo su Perin. In precedenza Gasperini aveva sostituito Marchese con De Maio.

L’Atalanta preme ma trova poche occasioni, anche perché il Genoa si chiude bene. AL 70’ tiro di Bonaventura da fuori: para a terra Perin.

Il Genoa riesce pure a farsi pericoloso con Bertolacci che impegna Consigli con un tiro piazzato dal limite. All’80 altra prodezza di Bertolacci, che va via in area, viene atterrato ma l’arbitro decide per la simulazione.

Sul capovolgimento l’Atalanta trova il pareggio. Lo fa con De Luca dopo una doppia parata di Perin prima su Bonaventura e poi su Stendardo.

Il Genoa non si disunisce e troverebbe un rigore con Gilardino se e solo se l’arbitro vedesse l’evidente tirata di maglia da parte di Lucchini.

Finisce 1 a 1 nonostante i vari tentativi bergamaschi. Un pareggio che non scontenta nessuno, rimane nel complesso una buona prestazione.