Quantcast
Economia

Finmeccanica, Landini: “No alle privatizzazioni, discutiamo su cosa serve al Paese”

Genova. “In passato abbiamo criticato la scelta di Finmeccanica di voler vendere gli asset civili da Ansaldo Energia a Ansaldo Breda. Oggi non abbiamo cambiato idea” e “misureremo il nuovo gruppo dirigente su quanto farà e sull’apertura o meno di una discussione che vada però in un’altra direzione”. Queste le parole del segretario generale della Fiom Maurizio Landini, ieri nell’entroterra di Genova per la commemorazione del 25 aprile.

“Chiediamo che quelle scelte cambino – ha detto Landini – e si apra una discussione su cosa serve al Paese: non una privatizzazione per fare cassa ma un’idea di quale modello sociale e di sviluppo il Paese debba avere. Qui – ha proseguito – entra in gioco il ruolo del Governo perché costruire un polo nazionale dei trasporti è una scelta che non riguarda solo Finmeccanica ma dovrebbe coinvolgere anche Ferrovie e Fincantieri. Se si apre un ragionamento generale, l’Italia potrebbe diventare il polo logistico del Mediterraneo con aziende pubbliche che costruiscono navi, treni, aerei e, se si vuole, anche auto”.