Quantcast
Politica

Commercianti esposto contro il sindaco Doria: basta con i mercatini dei non liguri

Genova. Nelle settimane scorse i commercianti genovesi che esercitano la loro professione nei più tipici e periodici mercati rionali, avevano già espresso le loro critiche nei confronti delle amministrazione comunale per i mercati domenicali presenti al Porto Antico e alla Marina di Sestri (mercati che non comprendono questa parte di commercianti).

Dalle proteste si è passati alle vie legali con un esposto al sindaco di Genova, Marco Doria e al presidente dell’Autorità portuale Luigi Merlo.

L’esposto diffida dall’autorizzare ancora i mercatini, al porto antico e alla marina di Sestri, che provengono da altre regioni.

“Le aree utilizzate per lo svolgimento di questi mercati – si legge nell’esposto – sono nel demanio marittimo e sono in concessione a soggetti privati in forza di atti assunti dall’ autorità portuale di Genova. Per lo svolgimento dei mercati su aree demaniali è necessario che la specifica attività commerciale sia indicata nell’oggetto e nello scopo della concessione demaniale e che l’area individuata sia idonea allo svolgimento di un mercato di merci varie – spiegano -. Inoltre, il comune deve predisporre appositi bandi per l’autorizzazione all’ esercizio dell’attività e la contestuale concessione di posteggi, e provvede anche a rilasciare concessioni temporanee di posteggio per fiere promozionali e manifestazioni commerciali a carattere straordinario, sulla base di una graduatoria stilata a seguito della pubblicazione di un bando”.

“A questo punto – spiega l’Aval, l’associazione dei venditori ambulanti liguri – vengono meno le giustificazioni adottate dal Comune che su un’area privata si può fare ciò che si vuole e pertanto si invita il comune a esibire le necessarie autorizzazioni e lo si diffida dal continuare lo svolgimento di questi mercati non autorizzati”.

Più informazioni