Quantcast

I cavalli selvaggi del Parco dell’Aveto: un patrimonio unico in Italia

Val d’Aveto. Da anni l’associazione “Un Cavallo per amico” si occupa delle sorti del branco di cavalli selvaggi nell’area del parco dell’Aveto per fronteggiare l’intolleranza e l’ignoranza umane che sono sempre in agguato. Questi magnifici cavalli, simbolo assoluto di libertà, vivono 365 giorni all’anno senza interagire, nel bene e nel male, con l’uomo, seguendo gli insegnamenti impartiti da madre natura.

“Per incrementare l’interesse nei loro confronti e del territorio in cui vivono , nel 2012 abbiamo
creato un progetto di valorizzazione e studio, denominato ‘progetto horsewatching ‘ che ha avuto a suo tempo, il patrocinio del WWF Italia e del Parco dell’Aveto Si tratta di escursioni di una o più giornate , a piedi, guidate dalla naturalista Evelina Isola, sulle tracce dei cavalli selvaggi. Un’opportunità per osservare e studiare il comportamento , la socialità, i cicli vitali dei cavalli in natura. Le nuove generazioni non hanno mai interagito con l’uomo ed il loro comportamento e assimilabile a quello dei mustangs americani e dei cavalli della mongolia. Sono un vero patrimonio naturalistico, unico in Italia”, spiega Paola Marinari, presidente dell’associazione.

La onlus dispone anche di un rifugio all’interno della Foresta delle Lame, adibito a punto tappa per il turismo equestre, che appartiene al progetto via equestri di Liguria ( dal mare al l’Appennino a cavallo). Si tratta di una rete sentieristica a misura di cavallo e cavaliere, a stretto contatto con la natura, circondata da panorami mozzafiato, spesso a perdita d’occhio verso il mare.

E’ in programma per il prossimo mese di luglio una nuova avventura lungo l’Altavia dei Monti Liguri: un trekking a cavallo di cinque giorni, aperto a tutti gli appassionati di turismo equestre. Sulla pagina Facebook dedicata ai cavalli selvaggi si trovano la storia, le inziative, le foto, i filmati e le criticità sui cavalli selvaggi del Parco dell’Aveto.

Le date delle prossime escursioni in Horsewatching sono: 21 aprile, 26 aprile, 1 maggio. Dal 15 aprile partirà anche il concorso fotografico sul tema ‘I cavalli selvaggi e i tesori del Parco dell’Aveto’ che costituirà un’opportunità di scoprire uno degli ambienti più belli ed incontaminati della Liguria. In collaborazione con il consorzio degli operatori turistici della zona ed il tour operator My riviera holiday (www.myrivieraholiday.com) sono stati anche realizzati dei pacchetti turistici per permettere di oltre che della bellezza dei cavalli e del territorio, anche delle gustose ricette tradizionali delle vallate.

leggi anche
  • La proposta
    Da piaga per l’agricoltura a risorsa: i cavalli bradi dell’Aveto in una vasta area cintata