Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Un normale sentiero diventa una strada larga 4 metri. Alberi sradicati e abusi edilizi a Casarza Ligure foto

Casarza Ligure. Attraverso una considerevole movimentazione di terra, un semplice sentiero è stato trasformato in una strada lunga circa 300 metri e larga 4 metri all’interno di un sito di importanza comunitaria. E’ quanto hanno scoperto a Casarza Ligure gli uomini della Guardia Forestale nelle scorse settimane durante un normale controllo per prevenire l’abusivismo edilizio e il monitoraggio dei movimenti franosi nelle frazioni del Comune di Sestri Levante.

In particolare in frazione Costarossa, località “Succu”, gli uomini della Forestale ha notato la realizzazione di una strada di larghezza media di 4 metri e lunga circa 300 metri, che conduce in prossimità dei ruderi di un immobile.
La strada in questione, ancora a fondo naturale e realizzata su un pre-esistente sentiero all’interno di un Sito di Importanza Comunitaria, presentava una notevole pendenza ed era priva di opere di regimazione delle acque.
Gli sbancamenti praticati hanno inoltre provocato lo sradicamento di svariate piante di alberi e arbusti, ancora visibili nelle scarpate a valle.

L’assenza del prescritto cartello che indicasse la natura dei lavori in corso, ha insospettito i forestali del Comando stazione di Casarza Ligure, i quali, dopo aver svolto le relative indagini, hanno accertato che i lavori realizzati erano privi delle autorizzazioni edilizie e paesistico ambientali.

Il personale ha proceduto quindi a denunciare i proprietari dei terreni, nonché l’esecutore materiale dei lavori, un impresario edile di Ne, per i reati di abuso edilizio e violazione del vincolo paesaggistico, ed hanno proceduto d’urgenza a porre sotto sequestro penale, già convalidato dal Magistrato, l’intero tracciato. Inoltre per lo sradicamento delle ceppaie e per l’esecuzione di opere nel Sito d’Importanza Comunitaria senza le prescritte autorizzazioni, dovranno pagare sanzioni per un importo complessivo di 2.300 euro.