Cronaca

Bomba rudimentale a Principe, sequestrate le immagini delle telecamere: indagini a tutto campo

Genova. Indagini a tutto campo sull’esplosione avvenuta nel primo pomeriggio di oggi nei pressi della stazione di Principe. La procura di Genova ha sequestrato le immagini riprese da una telecamera del Coa, il centro operativo automatizzato del Comune, che hanno ripreso il momento del forte scoppio davanti al commissariato Pre’.

Gli inquirenti analizzeranno le immagini anche dei giorni precedenti, almeno fino al momento dell’ultimo svuotamento della campana per la raccolta della plastica in cui è stato posizionato l’ordigno rudimentale.

“Nei prossimi giorni – ha spiegato il procuratore capo Michele Di Lecce – apriremo un fascicolo per danneggiamento. Ma le indagini sono a tutto campo. Non escludiamo alcuna ipotesi”.

Secondo fonti investigative a causare l’esplosione sarebbe stato un ordigno, composto da una bomboletta contenente liquido esplosivo e un timer rudimentale. L’innesco sarebbe stato a basso potenziale.

Il gesto è ancora tutto da inquadrare, ma gli investigatori non hanno dubbi. “Si tratta sicuramente di un atto doloso, di un attentato”, dice il dirigente della Digos Francesco Borrè.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.