Quantcast

Scarpino: interrotto lo sversamento di percolato nel rio Cassinelle

Genova. Lo sversamento di percolato dalle vasche di stoccaggio, all’interno della discarica di Scarpino, nel rio Cassinelle si è finalmente interrotto. E’ accaduto attorno alle 10 di questa mattina.

Il fenomeno – comunica Amiu – si è verificato grazie alla costante riduzione della produzione del percolato iniziata nei giorni scorsi quando le precipitazioni meteorologiche si sono interrotte, oltre alla continua raccolta e il successivo invio a smaltimento dello stesso percolato tramite autobotti verso impianti di depurazione esterni: ad oggi, dall’inizio dell’emergenza, le tonnellate smaltite sono arrivate a quota 25.150

Il livello di riempimento delle vasche di stoccaggio rimane, comunque, sostanzialmente al limite del livello di contenimento. Una situazione di equilibrio tra le quantità di percolato in ingresso dalle due discariche (Scarpino 1 e 2) e l’uscita sia con le autocisterne, sia verso il depuratore di Cornigliano dove vengono inviati circa 125 metri cubi/ora corrispondente al livello massimo delle capacità di trattamento dell’impianto.

La situazione continua ad essere costantemente monitorata dal personale Amiu in discarica e tutti gli enti di controllo (Arpal, Settore Ambiente della polizia municipale, Provincia) con la Prefettura, il Comune di Genova e la Regione Liguria sono stati aggiornati sull’evoluzione della situazione: ogni eventuale variazione sarà tempestivamente comunicata.

leggi anche
  • I lavori
    #Sembratrentinoinveceèscarpino: dopo il percolato il Rio Cassinelle cambia volto