Quantcast

Sampdoria-Torino: le nostre pagelle

da costa

Torino. Il granata si presentavano ancora indispettiti dagli episodi del derby. La Sampdoria non ha avuto pietà. Bene tutti.

Da Costa 7,5 – e tira che c’era chi temeva di rimpiangere Romero. I granata ci hanno provato, oggi non lo avrebbero trafitto manco con una freccia. Paglione.

De Silvestri 7 – la Samp gioca bene, certo, ma la forza è quando riesce ad allargare il gioco e lui si fa sempre trovare pronto. Con l’uscita di Gastaldello si trova ad essere il più vecchio della difesa. Nonno.

Mustafi 7 – dire che in crescita è fin poco. Notevole il duello che ingaggia con Immobile, gli concede un paio di mattonelle, niente di più. Attentissimo,

Gastaldello 7 – dà istruzioni fino all’ultimo, fino a un secondo prima di uscire dal campo. Chioccia. Dal 60’ Fornasier 6,5 – gioca con applicazione. Didattico.

Regini 6 – da un suo errore offensivo nasce la prima azione pericolosa dei granata. L’unico che barcolla tra Cerci e Kurticic. Però con Mihajlovic è in sicura crescita. Rapido.

Obiang 6,5 – ritrova il campo tra i titolari e governa il giro palla, senza esitare nelle chiusure. Sagace.

Renan 6,5 – prima delizioso assist per Okaka, poi fallo tattico per fermare il contropiede di Cerci. Intelligenza e cattiveria. Delizioso.

Gabbiadini 7 – il gol che chiude il match è una perla. Pazzesco.

Eder 6 – gli altri si mettono a fare i fenomeni e lui corre, a perdifiato, pressando su tutti. Sgroppatore.

Soriano 6,5 – fa un buon elastico con Obiang e Renan. È una buona sponda e buon suggeritore. Quadrato.

Più informazioni