Quantcast
Cronaca

Rolex, quadri e tartufi con i soldi dei sinistri: a processo sette ex agenti delle assicurazioni Faro

rolex

Genova. Si sarebbero appropriati dei soldi dei sinistri liquidati dalla società di assicurazioni per cui erano agenti per diverse centinaia di migliaia di euro tra il 2008 e il 2009, soldi con cui avrebbero acquistato Rolex, quadri, oggetti di antiquariato, vino, ma anche pagato spese mediche o la ristrutturazione della casa. Per questo sette persone sono ora state citate a giudizio dal Tribunale di Genova. Si tratta di Maurizio Sacco, Ermanno Peyrone, Anna De Leo, Kreshnik Kacanilu, Daria Mosconi, Francesco Rossi e Guido Gatti.

Il reato ipotizzato dalla Procura è quello di appropriazione indebita a cui si aggiungono due casi di truffa per altrettanti sinistri mai avvenuti per cui la società aveva liquidato rispettivamente 12.750 euro e 17.500 euro. Gl imputati erano tutti agenti della compagnia di assicurazioni Faro, società posta in liquidazione coatta amministrativa a metà del 2011.

In particolare il torinese Maurizio Sacco, classe 1974, avrebbe da solo sottratto circa 360 mila euro. Tra le spese? Ben 5 orologi Rolex, ciascuno del valore di 4-5 mila euro, quasi 12 mila euro di argenteria e orologi di marca non precisata, diverse auto usate (tra cui due audi 3 e una bmw), 400g di tartufi per oltre 1.400 euro, camicie, cravatte, vino. Non solo a giudicare dagli acquisti sembrerebbe proprio aver messo su casa grazie ai soldi non suoi: tra le voci di spesa contestate ci sono infatti la ritinteggiata di un appartamento, mobili, elettrodomestici, tv color, mensole, attrezzi per palestra e lampade.

Per gli altri imputati le cifre sono un po’ più modeste, ma i casi sono tantissimi anche attraverso l’utilizzo di amici e parenti come beneficiari di comodo. Il processo comincerà il prossimo 18 novembre.

La Faro assicurazioni è stata dichiarata fallita un paio d’anni fa e la Guardia di Finanza avrebbe scoperto un “buco” da 20 milioni. Il fallimento ha messo in crisi migliaia di professionisti e sopratutto decine di Asl in tutta Italia che avevano stipulato polizze proprio con la Faro.