Quantcast

Piaggio Aero, a Genova vertice tra sindacati e azienda: proseguono le trattative

piaggio aero

Genova. Iniziano oggi nella sede genovese di Confindustria le trattative tra sindacati e massimi vertici di Piaggio Aero. Gli animi sono tutt’altro che sereni e il clima teso, visto che in ballo ci sono centinaia di posti di lavoro. Al centro del vertice il piano industriale dell’azienda, che ancora lascia tutti con il fiato sospeso perché particolarmente lacunoso.

La linea dei sindacati è univoca, ovvero chiedono che dal tavolo vengano tolti gli esuberi, che siano confermate dal Ministero del Lavoro le condizioni di accesso alla cassa integrazione e che il Ministero dello Sviluppo Economico confermi il suo ruolo di arbitro tra le parti.

Le preoccupazioni riguardano sia Genova che Finale perché l’attuale piano industriale colpirebbe entrambi gli stabilimenti, anche se Genova è ancora più penalizzata perché diventerebbe, secondo questa ipotesi, un’attività di mero service, di manutenzione. Ecco quindi un altro punto su cui i sindacati non molleranno. Genova dovrà rimanere un sito produttivo, mentre lo stabilimento di Villanova dovrà essere terminato nei tempi previsti.

Intanto, durante l’ultimo consiglio comunale, il sindaco Marco Doria ha confermato l’attenzione e l’impegno di Tursi, precisando che c’è da valutare un piano industriale che deve prevedere investimenti e produzioni. “Qui esprimo un giudizio: considero l’investimento di Villanova un fatto molto positivo, sarebbe miope non farlo, hanno scelto di investire in Liguria, va letto nella direzione di consolidare l’esistenza di Piaggio Aero”. Nel merito, poi, quando presenteranno il piano nella sua completezza, “sarà fondamentale ribadire la presenza importante di Genova, ma sarebbe controproducente contrapporre Villanova con Sestri – ha sottolineato Doria – siamo in una fase di ristrutturazione, delicata e non breve, di qui la necessità di ammortizzatori adeguati, su cui faremo sentire forte la nostra voce”.