Quantcast
Cronaca

Guasto gasdotto Serra Riccò, Crivello: “Ci auguriamo di risolvere entro oggi”

guasto gas serraricco gasdotto

Genova. Qualche schiarita sulla questione gasdotto che sta lasciando senza riscaldamento e acqua calda buona parte della provincia di Genova. Gianni Crivello, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Genova ha fatto il punto sulla situazione.

“Si tratta di un intervento molto complicato perché è un tubo in profondità e in verticale, ci auguriamo che tutto possa essere risolto entro la giornata di oggi”.

I tecnici Snam hanno lavorato tutta la notte, dopo aver trovato la falla poco prima delle 19 di ieri. E’ stata trasportata la sezione di tubo di 22 pollici di diametro, che dovrà sostituire quella fallata. Dovrà essere saldata millimetricamente. Prima di dare però l’ok definitivo, i tecnici dovranno necessariamente fare alcune prove per testare se la delicata riparazione dia tutte le garanzie.

Solo in caso positivo si potrà dare l’ok a Iren per il ripristino dell’erogazione. Il Comune di Genova ha fornito a Snam un’area per lo stoccaggio della terra in via Sardonella. Nel frattempo per circa 700 mila cittadini permangono tutti i divieti contenuti nell’ordinanza emanata ieri dal Comune di Genova.

Riprendiamo dunque le direttive dell’ordinanza valida fino al ripristino della rete.

Niente acqua calda nè riscaldamento fino al completo ripristino delle normali condizioni e comunque, almeno per il momento, non oltre le 72 ore a partire dal pomeriggio di oggi. Questo il contenuto dell’ordinanza emanata dal Comune di Genova e immediatamente entrata in vigore. Stop all’utilizzo del gas, insomma, per i prossimi tre giorni a meno che il guasto al gasdotto a Serra Riccò non venga riparato prima. Un’eventualità incerta, vista la complessità dell’intervento.

Ai terzi responsabili, agli amministratori di condominio nonché ai privati cittadini viene ordinato lo spegnimento dei seguenti impianti alimentati a gas metano fornito dalla rete di “Genova Reti Gas S.r.l.”:

impianti termici civili centralizzati e autonomi
impianti adibiti alla produzione di acqua calda sanitaria
impianti di combustione utilizzati in processi produttivi

Restano esclusi dal divieto di utilizzo gli impianti di fornitura del gas dedicati ai presidi sanitari, socio sanitari pubblici e privati (a titolo esemplificativo ospedali e case di cura). E’ invece consentito l’utilizzo di gas metano per cottura alimentare.

Le informazioni e gli aggiornamenti ufficiali sullo stato di emergenza saranno divulgati attraverso: pannelli luminosi stradali disposti lungo la viabilità principale e paline alle fermate Amt; Per tutta la durata dell’emergenza sarà attivo il numero verde della Protezione Civile del Comune di Genova 800177797.