Quantcast

Chievo-Genoa, sfida tra difensori. Motta: “Potevo andare all’estero, ho scelto di venire qui”. Canini: “Venderemo cara la pelle

marco motta genoa foto da genoafc.it

Genova. Gara amichevole al Signorini di Pegli contro la Sestrese per il Genova. Il fischio d’inizio è fissato alle 15 e l’incontro si disputerà a porte aperte. Un buon test in vista del Chievo Verona, con mister Gasperini che deve ancora verificare le condizioni di Cofie, influenzato, e di Vrsaljko, rientrato ieri dalla Croazia. Sempre in giornata rientreranno i tre nazionali Gilardino, Perin e Fetfatzidis.

“Ho attraversato un percorso di crescita alla Juventus dal quale sono uscito umanamente più forte, più convinto e più sicuro delle mie possibilità. A Genova avverto la fiducia dei compagni, di Gasperini e dei dirigenti. Il Genoa – ha detto intanto il rossoblù Marco Motta – rappresenta la mia possibilità di tornare a vivere un ruolo da protagonista, lavorare con serenità ma anche con moltissima grinta. Potevo andare all’estero, ma poi mi hanno cercato i Preziosi e ho sentito la loro fiducia, quindi ho deciso di andare a giocare nel Genoa. Posso dire di aver fatto benissimo e non aver sbagliato scelta”.

Da parte loro, i prossimi avversari del Chievo si preparano ad incontrare il Genoa: “Dobbiamo vendere cara la pelle – ha detto il difensore Canini – La classifica del Genoa è ottima, giocheranno con più tranquillità, per cui dobbiamo entrare in campo con lo spirito avuto nelle ultime gare, vendere cara la pelle e cercare di strappare il risultato migliore”.

Foto da genoacfc.it