Quantcast

Chiavari, supermercato di via delle Vecchie Mura: il Cac risponde al sindaco Levaggi

comune chiavari

Chiavari. Siamo rimasti allibiti nel leggere il comunicato stampa diramato dall’Amministrazione Levaggi sull’ormai celebre caso relativo al supermercato di Via delle Vecchie Mura. A nostro avviso più passano i giorni e più codesta Amministrazione non riesce a trovare il bandolo della matassa che ha ingarbugliato fin dall’inizio ed invece di migliorare peggiora drammaticamente la situazione.

Il Sindaco Levaggi accusa il PD di essere dalla parte degli alimentaristi e non dei consumatori, accusa il PD di essere il partito della Grande Distribuzione Organizzata, accusa il PD di non aver ascoltato altri soggetti che a detta del comunicato, chiedono ci sia invece una sana concorrenzialità di spirito liberaldemocratico. Il Consigliere e Capogruppo Alex Molinari di “Noi di Chiavari” afferma che l’alleanza del PD con gli alimentaristi gli sembra un po’ strana visto che in passato, a detta di Molinari, il Partito Democratico avrebbe difeso l’Ipercoop.

SVEGLIA GENTE!!! ATTENZIONE!!! Non usciamo con contraddizioni inutili e grossolane, capiamo che l’Amministrazione giunta a questo punto non sappia che pesci pigliare (alimentarmente parlando) ma c’è un limite a tutto. La smetta questa maggioranza di parlare di valori liberaldemocratici visto che ha dimostrato, almeno in questa occasione, di non conoscerne il significato. Le parti si sono forse invertite??? PD di Chiavari a favore dei piccoli e il Gruppo “Noi di Chiavari” del Sindaco Levaggi e del Capogruppo Molinari a favore dei grandi??? Con il PD non è stata siglata nessuna alleanza ma in quanto Commercianti Alimentaristi Chiavaresi ci concediamo il diritto di interloquire con tutti i soggetti presenti sulla scena politica comunale, regionale e nazionale. Parliamo e sappiamo meglio di chiunque altro quali sono le richieste legittime dei consumatori. Cara Amministrazione i primi amici dei consumatori siamo noi commercianti e viceversa!!!

Abbiamo incontrato Ascom, abbiamo incontrato il Sindaco e non possiamo incontrare il PD che oggi è il primo partito italiano??? Esiste forse qualche divieto nei confronti degli esponenti del Partito Democratico??? Siamo pronti ad incontrarci ed a confrontarci con chiunque ce lo chieda…il CAC non ha colori politici e non ha padroni a cui rispondere. E’ libero ed aperto al confronto!!! Piuttosto: è vero oppure no che è servita una DELIBERA DI GIUNTA per permettere l’apertura di questa nuova struttura di vendita? E’ vero oppure no che grazie a questa DELIBERA DI GIUNTA la nuova struttura di vendita si è potuta dotare dei parcheggi necessari per poter procedere con l’apertura? E’ vero oppure no che l’Amministrazione ha previsto e parla di esclusività di tali parcheggi a favore della nuova struttura di vendita durante l’orario di lavoro (cioè di giorno?) Ed è vero oppure no che l’Amministrazione Levaggi parla di NON ESCLUSIVITA’ perché di notte (cioè quando il supermercato è chiuso) tali parcheggi sarebbero ad uso e consumo di tutta la cittadinanza? Ed è vero oppure no che nell’area interessata ci sono due scuole (circa 1000 studenti) ed una struttura ospedaliera? Ed è vero oppure no che i parcheggi destinati alla nuova struttura sono 38? ED E’ VERO OPPURE NO CHE TUTTO QUESTO SI CHIAMA INTERVENTISMO IN ECONOMIA DA PARTE DI UN SOGGETTO PUBBLICO A FAVORE DI QUALCUNO ED A SCAPITO DI TUTTI GLI ALTRI SOGGETTI PRESENTI SUL LIBERO MERCATO???

Questo modo di agire, cara (anzi senza cara!!!) Amministrazione, non ha NULLA di liberaldemocratico, non ha nulla di rispettoso, non difende nessuno perché le regole, a nostro avviso, vengono interpretate e non rispettate. Nessuna difesa a favore dei piccoli commercianti e nessuna difesa-tutela per i consumatori. Aggiungiamo che nessuno ha mai chiesto di essere difeso ma solamente di veder applicare le stesse regole a tutti. Ormai è diventato un problema che forse soltanto i legali potranno stabilire chi ha ragione e chi no. Può darsi che la nuova struttura di vendita sia operativa al più presto ma rimarrà indelebile nella mente di molti “l’interventismo del Comune” a favore di qualcuno e che non ha nulla dei sani principi liberali ai quali l’Amministrazione si appella in maniera così convinta. D’altronde in Italia, spesso e volentieri, fare una legge a favore di qualcuno o interpretare una legge a favore di qualcuno è perfettamente e incredibilmente possibile. Non c’è nulla di male.

Più informazioni