Politica

Caserma Gavoglio, Tursi avvia il percorso di acquisizione: nessun nuovo fabbricato, ma aree verdi per il quartiere

Genova. E’ stata approvata questa mattina dalla giunta comunale la delibera di indirizzo per aprire il percorso di acquisizione della caserma Gavoglio. “Può sembrare solo un fatto formale, ma invece come giunta abbiamo intanto deciso che il piano regolatore della città non sarà più quello che era stato adottato rispetto alla caserma Gavoglio, cioè non prevederà nuove edificazioni, ma soltanto l’utilizzo dei volumi esistenti e casomai l’ampliamento delle zone verdi per il territorio”, spiega il vicesindaco Stefano Bernini.

Poi darà la possibilità ai dirigenti tecnici di individuare e sviluppare la progettazione. “Nel momento in cui si aprirà questo percorso chiederemo anche all’Agenzia del territorio di poter avere porzioni libere in modo da incominciare subito percorsi di riqualificazione utili per gli abitanti del quartiere”, prosegue.

Lo scopo è infatti quello di creare nuovi spazi di aggregazione in un quartiere dove ne esistono pochi e anche la viabilità dipenderà dalla progettazione e sarà valutata insieme agli abitanti.

“Vogliamo andare incontro alle esigenze di tutti e nel più breve tempo possibile – continua il vicesindaco – la progettazione dovrà passare dalla sovrintendenza e durerà qualche tempo, ma prima si parte e prima si arriva”.

Attualmente le aree sono in parte occupate dal Comune per gli archivi del tribunale, in parte dagli archivi dell’idrografico, che però si trasferirà e in parte dalla Croce Rossa, che però nel comodato di uso gratuito ha l’impegno di andare via nel caso si svolgessero attività di interesse comune. “Gli elementi per partire ci sono tutti e ora speriamo che l’iter proceda nella maniera più celere possibile”, conclude Bernini.