Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sesso, allarme dei medici: “I giovani mixano i farmaci anti impotenza con alcol e droghe”

Più informazioni su

Si fanno sempre più insistenti i moniti e gli appelli da parte dei medici in merito al rischio causato dall’abuso di medicinali per la cura dell’impotenza sessuale, specie se assunti in concomitanza con droghe come l’ecstasy, in grado di amplificarne l’effetto e la sensazione di euforia.

Nel periodo post – San Valentino, in particolare, è emerso come il boom delle vendite (+25%) di prodotti per la disfunzione erettile abbia coinciso con l’incremento degli episodi legati ad un abuso di questi farmaci; in particolare, a preoccupare maggiormente è la tendenza a mischiare i medicinali con una droga potente come l’ecstasy, con l’illusione di potenziare ulteriormente le performance a letto.

A parlare di questo nuovo e preoccupante trend tra la popolazione giovane e adulta maschile di tutto il mondo sono gli scienziati dell’Università del New South Wales di Sydney, che hanno ribattezzato il fenomeno “sextasy”. Secondo il parere degli esperti del National Drug and Alcohol Research Centre, sempre in Australia, l’interazione tra le pillole anti impotenza e l’ecstasy scatenerebbe la cosiddetta “sindrome della serotonina”, un accumulo eccessivo dell’”ormone della felicità” che, se presente in dosi massicce nell’organismo, può costituire un rischio di non poco conto per la salute.

A ricorrere a questo mix potenzialmente pericoloso sarebbero soprattutto i più giovani che, anche se non interessati da impotenza sessuale data la loro giovane età, un po’ per insicurezza e un po’ per la curiosità di testare i propri limiti, farebbero ricorso a questo pericoloso mix di farmaci e droghe per risultare più performanti sotto le lenzuola.

L’utilizzo di medicinali anti impotenza da farmacie o cliniche online non ha mai conosciuto crisi da quando, nel 1998, la Food and Drug Administration ne ha consentito la vendita, sempre e solo dietro presentazione di ricetta medica. Solitamente, ad acquistare Cialis o altri prodotti volti a restituire una vita sessuale serena a coloro interessati da disfunzione erettile sono uomini di età superiore ai 40 – 50 anni; negli ultimi tempi, però, si è notato un preoccupante aumento delle vendite anche tra i giovani, in alcuni casi anche con meno di 20 anni.

Questo è dovuto principalmente ad una convinzione sempre più diffusa, ma errata, secondo cui Cialis e prodotti anti impotenza simili siano delle specie di droghe da party da mixare ad altre sostanze, e non, invece, farmaci da prescrizione per il trattamento di un disturbo assai diffuso.