Quantcast

Sampierdarena, lo splendore del passato e la bellezza del futuro: insieme per un giorno

teatro Modena

Sampierdarena. Sampierdarenesi, genovesi, turisti, cittadini potranno per un giorno immergersi negli antichi fasti cinquecenteschi, sentire racconti e meraviglie di tempi lontani, vivere luoghi, atmosfere, condividere in rete impressioni, fotografie, assistere a performance musicali e di danza, partecipare ad interviste per portare i propri ricordi.

Ma non è un passato statico quello che Sampierdarena propone sabato 22 febbraio, dalle 14,30 alle 18,30 anzi è ben calato nell’oggi attraverso gli occhi dei giovani che sapranno raccontarlo, animarlo, condividerlo in rete. Consapevoli di essere parti di una cultura capace di creare cose meravigliose la interpretano e presentano con i loro linguaggi. Presentazioni in italiano, in inglese e in spagnolo per meglio accogliere i visitatori, performance di danza, interviste, implementazione on line del sito www.opengenova.org/cercamemoria.

Attori della giornata saranno: un percorso di circa 1 km che si snoda da via Cantore, lungo via Dottesio, via Daste, via Carzino, Piazza Monastero, via Cantore, sottopasso Montano, Piazza Montano o viceversa, come preferito dai visitatori. 6 tra le ville più belle della città; 600 ragazzi di tutte le scuole superiori e medie di Sampierdarena uniti in un cordone umano segnaletico; 600000 i cittadini di Genova potenzialmente interessati.

Da Villa Spinola, sede attuale del Liceo Gobetti, passando per largo Gozzano all’esterno delle ville Alessiane di Palazzo della Fortezza e Palazzo della Semplicità, sarà possibile visitare anche Villa Imperiale Scassi “La Bellezza” e ancora Villa Crosa Diana, concessa per l’occasione dalla Conservatoria dei Fieschi, Villa Serra Monticelli recentemente restaurata, deviando verso Piazza Modena con il Civico Teatro che fu donato dai cittadini abbienti allo storico Comune di Sampierdarena e Villa Centurione Monastero, sede attuale dell’Istituto Comprensivo Sampierdarena o proseguendo per Piazza Montano per ammirare, anche questa eccezionalmente concessa dalla proprietà, la magnifica Villa Tubino Centurione Carpaneto che conserva meravigliosi affreschi di Bernardo Strozzi.

L’evento, che offre un’opportunità unica per la città, è organizzato dalla Associazione Culturale Pianissimo che non è nuova a questo tipo di grandi manifestazioni a Genova. Il Municipio II Centro Ovest di Genova ha aderito con entusiasmo nell’ambito delle iniziative di valorizzazione culturale e di rilancio del quartiere di Sampierdarena, ma sono tanti i soggetti che hanno partecipato all’organizzazione:
i Cercamemoria della Biblioteca Francesco Gallino www.cercamemoria.org i promotori dei siti www.sanpierdarena.net. e www.sampierdarena.ge.it, Il prof. Alessandro Mancuso, autore del libro “70 Ville Antiche a San Pier d’Arena” per la produzione e la messa a disposizione degli approfondimenti e dei contenuti; La community Open Genova, www.opengenova.org per la piattaforma online dove condividere e implementare contenuti su Sampierdarena ed i suoi tesori www.opengenova.org/cercamemoria
La Sartoria del Teatro Carlo Felice che partecipa fornendo alcuni costumi d’epoca per la giornata. Il maestro Bruno Coli, autore delle musiche che saranno diffuse nelle ville durante la giornata, che parteciperà anche personalmente all’evento con una performance a Villa Centurione Carpaneto.

Particolarmente significativo l’impegno dei Presidi e dei Docenti di tutte le scuole di Sampierdarena che hanno colto la rilevanza dell’evento. Partecipano infatti: Liceo Linguistico, Coreutico, Scienze Umane P. Gobetti; Liceo Classico e Linguistico G. Mazzini; Liceo Scientifico E. Fermi; Istituto Tecnico Informatico Gastaldi Abba; Istituto tecnico Galilei, Casaregis, Einaudi; Istituto Comprensivo Barabino; Istituto Comprensivo Sampierdarena.

Alla fine della giornata festa finale degli organizzatori presso il salone della Villa Imperiale Scassi sede dell’Ist. Comprensivo Barabino, conclusione della giornata ma anche occasione per l’avvio di un percorso di lavoro, approfondimento storico, amicizia di una comunità consapevole e attiva.

Più informazioni