Quantcast
Sport

Rugby, Serie A: Aircom Pro Recco, Valpolicella ancora amararisultati

Sport

Recco. Il campo di San Pietro in Cariano si conferma stregato per l’Aircom Pro Recco che, dopo la sconfitta subita nella semifinale di andata dei playoff della stagione passata, neanche oggi riesce a battere i veronesi. Questi ultimi, vincendo 29-12, mantengono il loro terreno di gioco ancora inviolato: neppure la capolista L’Aquila era riuscita a battere il Valpolicella in casa, fermata sul pareggio.

L’incontro di andata, al Carlo Androne, aveva visto gli squali vincenti al termine di una partita dura e combattuta. Oggi i recchelini pagano caro un primo tempo molto difficile, nel quale i padroni di casa, sospinti dal forte estremo Etcheverry e favoriti dal vento, hanno sempre avuto il possesso di palla e campo e hanno messo a segno ben quattro mete, di cui tre nell’arco di soli 7 minuti. Sul finale della prima frazione il Recco riesce a riordinare idee e gioco e ad andare a segno con Gonzalez; trasformazione di Agniel e parziale che si chiude sul 24-7.

Nel fango veronese il secondo tempo vede gli ospiti più in palla e determinati a cercare di ribaltare il difficile risultato. Al 20° D’Agostini va in meta, Agniel manca la trasformazione e il tabellone segna 24-12. Il Recco gioca ma non concretizza; il Valpolicella, tra le difese migliori del campionato, non molla e, sul fischio finale dell’arbitro Boaretto, arriva ancora una marcatura dei padroni di casa, che fissa il risultato sul 29 a 12.

“Ci aspettavamo una partita difficile – spiega con amarezza il pilone Casareto – ma certo non un primo tempo così. Non abbiamo praticamente mai avuto la palla e il Valpolicella, anche grazie ad Etcheverry e con l’aiuto del vento a favore, non ci ha permesso di giocare. Nel secondo tempo, dopo la nostra meta la rimonta sembrava possibile, ma non siamo riusciti a concretizzare, il tempo è passato velocemente e, all’80°, abbiamo anche subito un’altra meta, che ha reso il punteggio eccessivamente pesante”.

Tra una settimana gli squali sono chiamati ad un pronto ed importante riscatto: al Carlo Androne arriveranno i Lyons Piacenza, terzi in classifica a soli 2 punti proprio dalla Pro Recco che, nonostante la sconfitta odierna, ha mantenuto la seconda posizione. I diretti concorrenti ai playoff si sono però fatti sotto, mentre L’Aquila, in testa, ha allungato ulteriormente il suo vantaggio.

Il tabellino:

Santa Margherita Valpolicella – Aircom Pro Recco 29-12 (p.t. 24-7)
Santa Margherita Valpolicella: Etcheverry, De Leo, Venturini (s.t. 35° Fierro), Roman, Pacchera, Damoli, Zardini (s.t. 25° Musso), Previato (s.t. 30° Burati), Pivetta, Fraccaroli, Bianchi (s.t. 10° Nicolis), Filippini (s.t. 25° Fratalocchi), Momi (s.t. 30° Carraro), Frapporti (s.t. 30° Russo), Ferrari (s.t. 30° Brancalion). All. Zanella.
Aircom Pro Recco: Gonzales, D’Agostini, Becerra, Breda, Bisso (p.t. 35° Neri), Agniel, Villagra, Giorgi, Rosa (s.t. 5° Ciotoli), Orlandi, Vallarino (s.t. 20° Maggi), Bonfrate, Rapone, Noto, Casareto (p.t. 35° Bedocchi). A disposizione: Torres, Tassara, Torchia, Ferro. All. Villagra.
Arbitro: Boaretto (Rovigo).

Marcatori: p.t. 10° meta Pivetta tr. Etcheverry, 30° meta Pivetta tr, Etcheverry, 33° meta Frapporti, 37° meta Pivetta, 40° meta Gonzales tr. Agniel; s.t. 20° meta D’Agostini, 40° meta De Leo.
Cartellini gialli: p.t. 25° Bonfrate; s.t. 38° Maggi.