Quantcast
Cronaca

Rapine in villa tra Genova e il Tigullio: condanna confermata per i quattro albanesi

Genova. La corte d’Appello ha confermato la condanna per Alfred Meci, Nic Baja, Agustin Cani e Eglisen Tola, i quattro giovani albanesi accusati di aver compiuto tre rapine in villa nel genovese e nel chiavarese.

Sei anni confermati per Alfred Meci di 25 anni, otto anni ciascuno per Nik Baja di 24 anni e per Agustin Cani di 40 anni mentre otto anni e due mesi è la pena per Eglisen Tola di 25 anni.

La prima rapina risale al 15 giugno 2012 a Morego, sulle alture di Genova, nella villa di proprietà di una coppia alla quale erano stati portati via un orologio Rolex, denaro, gioielli, carte di credito e due cellulari. Da uno dei telefonini era poi partita una chiamata che aveva permesso agli investigatori di rintracciare uno degli albanesi.

Il secondo colpo era stato messo a segno quattro giorni dopo, il 19 giugno, in frazione Caperana, sopra Chiavari, dove i padroni di casa erano stati legati. La terza rapina era stata compiuta due giorni dopo in una villetta di Leivi, nel chiavarese, dove due coniugi sessantenni erano stati chiusi in cantina e il loro cane bastonato. Il bottino era stato di contanti, gioielli e fotocamera digitale. Uno degli imputati era stato arrestato nel chiavarese durante un blitz di carabinieri e polizia mentre gli
altri tre erano stati arrestati in seguito.