Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Per la salvezza (e qualcosa di più). Gasperini: “Ora pensiamo all’Udinese, servirà un Genoa forte”

Genova. C’è da tenere a distanza l’Udinese (26 punti), c’è da recuperare sul Milan (31) che ieri sera ha vinto. La partita del Genoa contro i friulani è di certo tutto questo, ma non solo. Perché a quota 30 punti il Grifone è praticamente salvo, anche se naturalmente la matematica non lo certifica ancora. Ma il punto è proprio questo, come ha detto oggi il tecnico Giampiero Gasperini: “A quota trenta sarebbe ipocrita pensare solo alla salvezza, sebbene serva aggiungere i punti della sicurezza. Non per mettere le mani avanti, però non avvertiamo l’esigenza di porci altri obiettivi, se non quello della gara di domani, per il rischio di ingenerare aspettative e deludere le attese. Viviamo in funzione della felicità di poterci giocare la partita con l’Udinese senza impellenze dettate dalla classifica. Né è produttivo fare proclami, non sono abituato così”.

Provare a battere l’Udinese, poi si vedrà. Perché a questo punto sognare un posto al sole in serie A non è vietato. Di mezzo i bianconeri che vivono un buon momento. “Per battere l’Udinese – spiega Gasperini – ci vorrà un Genoa forte, convinto, entusiasta. In armonia con il suo pubblico capace di trasmettere calore. Sta a noi essere trainanti, ma questa squadra va premiata perché dà tutto ciò che ha dentro esprimendo personalità e attaccamento. Sono molto soddisfatto delle risposte che sto ricevendo dal gruppo. Contro l’Udinese sarà una gara diversa rispetto a Livorno. Nutriamo grande considerazione sul valore degli avversari, hanno dimostrato sia in coppa che in campionato di che pasta siano fatti, con una rosa importante e con tante alternative”.

“Trenta punti non li abbiamo collezionati per caso, il Genoa è una delle poche squadre che schierano sempre almeno due attaccanti. Ogni gruppo poi va preso e valutato per le sue caratteristiche. Quel che conta è fare punti e prestazioni, non mi pare che possiamo lamentarci. I ragazzi stanno facendo qualcosa di molto positivo e, con i loro pregi e difetti, stanno portando il Genoa a buoni livelli”.