Quantcast
Sport

Pallanuoto: il Setterosa batte la Grecia e stacca il biglietto per la super final

Rapallo. Alla piscina Felice Cascione di Imperia, davanti a 1200 spettatori, le azzurre ottengono il pass per la super final di World League, in programma in Cina, a Kunshan.

Le italiane battono la Grecia 10-9 e conquistano il primo posto del gruppo B e la qualificazione con una partita di anticipo. Nel prossimo turno, martedì 18 marzo, l’Italia sarà impegnata in Ungheria e il c.t. Fabio Conti ha già fatto sapere che non vuole fare sconti a nessuno: “Si va con la squadra al completo. Dobbiamo continuare a lavorare e giocare con questa intensità”.

Il commissario tecnico commenta così la prova di questa sera: “Le abbiamo annichilite all’inizio, poi abbiamo sentito la stanchezza nel finale. Avevo chiesto alla squadra di giocare con intensità almeno mezza partita. Lo ha fatto per tre tempi e sono molto contento. Però abbiamo creato tanto e concretizzato poco e commesso errori sui quali dovremo lavorare. Il gioco che facciamo è molto dispendioso e ci può stare il calo negli ultimi tre minuti”.

A Madrid la Spagna batte la Russia 13-11 e vince il gruppo A qualificandosi in anticipo per la super final. Ora è un’affare tra Grecia e Russia per il posto di migliore seconda.

La cronaca. Alla prima occasione Tania Di Mario porta in vantaggio l’Italia, dopo 2’02” dall’inizio. Pareggia la Grecia con Avramidou. Le azzurre difendono bene in inferiorità numerica (0 su 2 per le elleniche nel primo tempo) ma dopo 5’45” Asimaki firma l’1-2 con un tiro dai cinque metri. Pronta la replica made in Italy con Bianconi al settimo minuto, in controfuga e in superiorità, per il 2-2.

Dopo 1’22” del secondo tempo l’Italia è a +2: Bianconi ancora in superiorità e Di Mario su rigore. A metà tempo Avramidou fa 4-3 dai sette metri e dopo 35″ Garibotti, ancora in superiorità, riporta il Setterosa a +2. La Grecia sbanda un po’ ma Quierolo non ne approfitta sola davanti al portiere. Bomba di Garibotti e l’estremo si salva a due mani. L’Italia insiste, guadagna campo e colleziona occasioni.

Nel terzo periodo si segna ad ogni occasione, colpa anche di qualche leggerezza in difesa. Giulia Emmolo fa la differenza nel parziale (4-3) festeggiata dal boato del pubblico di casa. La Grecia segna con due gol uguali di Manolioudaki dalla distanza che finiscono nel sette e con un rigore trasformato da Roumpesi. Ultimo periodo di gioco: primi quattro minuti in cui l’Italia crea due buone occasioni. La Grecia chiama time-out. Si riparte ed è l’Itala a segnare con Silvia Motta a 4’37”. E’ immediata la replica greca con Avramidou. Il tempo scorre a vantaggio delle azzure. Manolioudaki spaventa un po’ il pubblico di Imperia con un gol fortunoso e un’altro a 28″ dalla chiusura. Poi palla all’Italia, suono la sirena e si festeggia.

Il tabellino:
Italia-Grecia 10 – 9
(Parziali: 2-2, 3-1, 4-3, 1-3)
Italia: Giulia Gorlero, Federica Radicchi, Arianna Garibotti 1, Elisa Queirolo, Silvia Motta 1, Rosaria Aiello, Tania Di Mario 3, Roberta Bianconi 3, Giulia Emmolo 1, Laura Repetto, Aleksandra Cotti, Teresa Frassinetti 1, Laura Teani. All. Fabio Conti.
Grecia: Eleni Kouvdou, Ioanna Chydirioti, Vasiliki Diamantopoulou, Ilektra Psouni, Eleftheria Plevritou, Alkisti Avramidou 3, Alexandra Asimaki 1 Antigoni Roumpesi 1, Eleni Xenaki, Triantafyllia Manolioudaki 4, Margarita Plevritou, Stamatina Kontogianni, Chrysoula Diamantopoulou. All. Georgios Morfesis.
Arbitri: Andrew Allen (GBR) e Sergio Borrell (ESP). Delegato Fina: Gianni Lonzi (ITA).
Note. Nessuna uscita per limite di falli. Superiorità numeriche: Italia 3 su 5 più 2 rigori segnati, Grecia 0 su 3 più 1 rigore segnato.