Quantcast
Cronaca

Genova, cabinovia tra aeroporto e ferrovia: l’agenzia europea Ten-t approva il progetto dello studio

funicolare cabinovia erzelli aeroporto

Genova. Nuovo passo avanti in Europa per il progetto di collegamento aeroporto-ferrovia: l’Agenzia Europea dei trasporti TEN-T ha approvato il “Piano strategico di azione” (SAP, Strategic action plan) del progetto Gate.

Il documento era stato sottoposto il 15 gennaio scorso dal consiglio direttivo, di cui fanno parte gli enti beneficiari del progetto (Regione Liguria, Comune di Genova, Società per Cornigliano e Aeroporto di Genova). L’approvazione del Piano strategico è un passo avanti nel percorso di sviluppo del progetto di collegamento tra aeroporto di Genova e linea ferroviaria, e arriva a due mesi esatti dalla riunione svolta il 12 dicembre a Genova, in presenza della funzionaria dell’agenzia europea TEN-T, Anduela Gjergji.

Il progetto Gate, il cui coordinamento è in capo a Regione Liguria, prevede un collegamento tramite cabinovia tra aeroporto e ferrovia (con una nuova fermata e lo spostamento della stazione di Cornigliano all’altezza di Villa Bombrini) e ha l’obiettivo di collegare l’aeroporto di Genova alle grandi reti ferroviarie di trasporto europee, rendendo nel contempo il territorio più accessibile ai turisti in arrivo all’aeroporto di Genova e di ampliare il bacino di utenza dello scalo. Lo studio sarà cofinanziato dall’Unione europea nella misura del 50% (576.000 euro su 1.152.000).

La progettazione del collegamento tramite cabinovia sarà affidata attraverso una selezione pubblica gestita dalla Stazione Unica Appaltante Regionale, mentre la progettazione del nuovo assetto ferroviario sarà affidata a RFI. Il cofinanziamento da parte dell’agenzia TEN-T comporta il rispetto di numerosi criteri, non ultimo quello dell’aggiornamento costante sull’avanzamento dello studio progettuale. Il lavoro di progettazione dovrà essere completato entro il 31 dicembre del 2015.

L’auspicio degli enti beneficiari resta che lo scrupoloso rispetto di tutti i criteri imposti dall’agenzia TEN-T, dimostrato da questo nuovo passo avanti, possa consentire di accedere a fondi europei anche per la parte esecutiva dei lavori una volta terminata la fase progettuale.