Quantcast
Sport

Basket, l’Almo Nature NBA-Zena esulta ancora: espugnata Trieste con 10 punti di scarto

Martina Bestagno

Genova. “Abbiamo onorato il trentacinquesimo anniversario della morte di paron Nereo Rocco, cui è dedicato lo stadio accanto al PalaTrieste, ricordando il suo proverbiale catenaccio e limitando le nostre avversarie a soli 48 punti realizzati”. Questa è l’analisi di coach Vaccaro al termine della partita vinta sul parquet della Calligaris Triestina. “È questo il segreto della nostra quarta vittoria consecutiva” ribadisce l’allenatore rosanero.

Il coach dell’Almo Nature NBA-Zena non sbaglia. In una giornata in cui le genovesi hanno, in alcuni tratti della partita, fatto un po’ fatica in attacco, ancora una volta la chiave della vittoria è da ascrivere all’asfissiante difesa delle ragazze in maglia rosanero.

Alle padrone di casa mancava l’ungherese Vida e questo ha forse fatto pensare che il compito potesse essere più semplice. Le cestiste guidate da Vaccaro, con alcuni residui influenzali sparsi qua e là e con Valentina Costa alle prese con una fastidiosa tallonite, hanno un po’ faticato a prendere le misure alle ottime avversarie ed anche al metro arbitrale applicato dai signori De Biase e Rivron.

Il primo periodo giocato punto a punto si chiude con una tripla di Bindelli a fil di sirena che porta le rosanero sul +5. Il secondo periodo vive di continui alti e bassi con frequenti errori offensivi dall’una e dall’altra parte.

Dopo l’intervallo lungo due triple di Bestagno e Cerretti portano l’Almo Nature sul +7 (27-34 al 24°), ma in soli due minuti le padrone di casa piazzano un perentorio 9 a 0 per quello che sarà il loro ultimo vantaggio (36-34 al 26°) Il terzo quarto si chiude sul 38-41 con tre tiri liberi messi a segno da Bestagno a seguito di un fallo subito su un tiro da oltre l’arco.

Il break decisivo si registra in apertura di ultima frazione: cinque punti consecutivi di Bindelli e la seconda chirurgica tripla di Cerretti portano il risultato sul 43-53 al 35°, un vantaggio in doppia cifra che sarà ribadito nel finale da una spettacolare tripla in jump frontale di Valentina Costa da circa nove metri a fil di sirena.

È festa grande, tra le ospiti, per il poker conseguito in questa poule promozione. Una seconda fase di campionati che sembra aprire alle genovesi scenari impensabili solo fino a qualche mese fa.

È difficile, all’interno di una solida prova, soprattutto difensiva, dell’Almo Nature Genova, fare citazioni individuali; non ci si può esimere però dall’evidenziare l’ennesima mostruosa prestazione di Martina Bestagno (nella foto). Ha subito in silenzio le particolari attenzioni difensive delle sue avversarie, non sempre rilevate dai direttori di gara, ed è stata comunque in grado di produrre le seguenti cifre: 23 punti, 9 falli subiti, 19 rimbalzi per un eloquente 38 di valutazione.

Il tabellino:
Calligaris Triestina – Almo Nature NBA-Zena 48-58
(Parziali: 13-18; 24-28; 39-41)
Calligaris Triestina: Rosellini 5, Zecchin 6, Trimboli 6, M. Miccoli 4, Policastro 13, Bianco 2, Cerigioni 4, C. Miccoli 4, Silli ne, Romano 4. All. Giuliani.
Almo Nature NBA-Zena: Bestagno 23, Facchini ne, Bindelli 11, Piermattei ne, Belfiore, Cerretti 6, Algeri ne, Principi, De Scalzi 9, Costa 9. All. Vaccaro.
Arbitri: Stefano De Biase (Udine) e Gaylord Rivron (Gradisca d’Isonzo).

Sabato 1 marzo alle ore 20,30 l’Almo Nature NBA-Zena sarà ospite della Velco Vicenza.