Cronaca

Bancarotta fraudolenta e 50 lavoratori a casa: imprenditore genovese sottrae 1,5 milioni di euro alle sue società

Genova. Le sue società, molto note nel capoluogo ligure nel settore delle costruzioni civili e pubbliche, erano fallite nel 2012. Lui, imprenditore immobiliare, è ora stato denunciato dai militari della Guardia di Finanza per bancarotta fraudolenta. A finire nei guai è Guido Felice Cavana, titolare della Barberini & Lawson e di Mt Srl.

Le Fiamme Gialle genovesi hanno accertato che l’imprenditore, con la complicità di alcuni suoi stretti collaboratori, ha infatti illecitamente sottratto da due delle sue imprese di costruzione, che si trovavano in una situazione di grave crisi finanziaria, una consistente parte del loro patrimonio, attraverso abili manovre contabili, contribuendo in tal modo al dissesto, poi sfociato nel fallimento.

L’indebita appropriazione del patrimonio societario ammonta ad oltre 1 milione e 500 mila euro con conseguente grave danno per le imprese creditrici delle due società fallite che non hanno potuto vedere onorati i propri crediti.

I finanzieri hanno scoperto che la sottrazione delle disponibilità finanziarie delle società coinvolte nel fallimento avveniva attraverso l’effettuazione di pagamenti preferenziali e compensazioni di crediti a favore di altre imprese collegate con la società fallita; il pagamento di artificiosi canoni di locazione; la vendita di una parte dell’azienda ad un prezzo notevolmente inferiore al suo valore e la fittizia annotazione in contabilità di voci di costo.

Ma non solo. La conseguenza di tale appropriazione ha avuto anche pesanti risvolti sociali: sono stati oltre 50 i dipendenti che hanno perso il posto di lavoro.