Scarpino, acqua marrone nel rio Cassinelle: “Amiu risolva il problema, non può pagare l'ambiente” - Genova 24
Cronaca

Scarpino, acqua marrone nel rio Cassinelle: “Amiu risolva il problema, non può pagare l’ambiente”

Genova. Stamattina l’acqua del rio Cassinelle, che sfocia nel Chiaravagna, è diventata improvvisamente marrone. A notarlo sono stati i cittadini, che hanno subito denunciato quanto accaduto.

Sul posto è accorso anche Angelo Spanò, esponente dei Verdi ed ex consigliere provinciale, che ha immediatamente chiamato il Nucleo Ecologico Operativo dei carabinieri, che a sua volta ha avvertito il 118 per far intervenire l’Arpal. “Il problema dovrebbe dipendere dalla discarica numero 1 di Scarpino, quella più vecchia, costruita nel 1968 – spiega Spanò – per quanto riguarda la parte nuova non ci sono problemi perché l’acqua viene raccolta negli appositi vasconi e poi convogliata presso il depuratore di Cornigliano. Il problema della vecchia discarica, però, va risolto”.

Intorno alle 13.30 l’Arpal ha effettuato i primi prelievi sia dal Cassinelle che dal torrente parallelo, le cui acque erano pulite. Questo allo scopo di confrontare i due campioni. Successivamente è avvenuto un sopralluogo presso la discarica.

“Amiu spenda ciò che deve spendere per risolvere la situazione – conclude Spanò – a pagare non possono essere i cittadini e l’ambiente”.