Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pd, sabato a Genova torna StabiliMenti: l’Europa al centro

Genova. Torna StabiliMenti, la quarta Conferenza programmatica del PD della Liguria, in calendario sabato 25 gennaio a partire dalle ore 10,30 al Palazzo della Meridiana di Genova. L’iniziativa di approfondimento politico nelle scorse edizioni ha richiamato a Genova importanti personalità italiane, fra gli altri il Presidente del Consiglio Enrico Letta, il magistrato antimafia Anna Canepa, il docente e scrittore Nando Dalla Chiesa, il sondaggista Nando Pagnoncelli, l’attore Maurizio Lastrico.

L’edizione 2014 metterà al centro del dibattito i temi europei, più che mai d’attualità a pochi mesi dalle elezioni per il Parlamento di Strasburgo. Lo farà attraverso i principali protagonisti del dibattito sulle prospettive per l’Europa: la responsabile nazionale Europa e Affari Internazioni del PD, Federica Mogherini e i capigruppo del PD in Commissione Politiche Europee alla Camera e al Senato, Alessia Mosca e Roberto Cociancich. Confermata anche la presenza degli europarlamentari liguri Francesca Balzani e Sergio Cofferati, che darà vita ad un dibattito insieme a Yoram Gutgeld, consigliere economico di Matteo Renzi.

“Torneremo nelle sale che nel 2010 ospitarono la prima edizione di StabiliMenti e ci confronteremo sull’Unione Europea che vogliamo costruire con le elezioni di maggio – spiega Lorenzo Basso, segretario PD Liguria – . Il PD è infatti in campo per affermare l’esigenza di cambiare questa Europa dell’austerità e rilanciare il sogno di un’Unione dei cittadini e delle opportunità, casa della pace e fabbrica dello sviluppo, contro quanti invece auspicano un ritorno di nazionalismi miopi ed egoistici”.

StabiliMenti Europa sarà anche l’occasione per un saluto ai democratici liguri da parte del Segretario regionale del PD, Lorenzo Basso, a conclusione del suo mandato e il primo momento di incontro e presentazione dei tre candidati alla sua successione: Alessio Cavarra, Stefano Gaggero e Giovanni Lunardon.