Genova, Antiqua compie vent’anni e “vola alto” con l’Accademia Ligustica

Genova. E’ stata presentata oggi nel Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, la ventesima edizione di Antiqua – Mostra mercato d’arte antica – in programma nel quartiere fieristico genovese da sabato 18 a domenica 26 gennaio. Dopo il saluto del presidente dell’Accademia Giuseppe Pericu, sono intervenuti Sara Armella presidente Fiera di Genova Spa, Iury Fichera presidente di Genovastand Eventi – la società organizzatrice della manifestazione – e i curatori della mostra, Tiziana Tentori, e del Museo dell’Accademia Giulio Sommariva. Presenti l’amministratore delegato di Fiera di Genova Spa Antonio Bruzzone, il segretario dell’Accademia Enrico Paroletti e il direttore della Scuola dell’Accademia Osvaldo Devoto.

Per festeggiare l’edizione numero venti – patrocinata da Regione Liguria, Comune di Genova e Camera di Commercio – è stata siglata un’importante collaborazione con l’Accademia Ligustica di Belle Arti: obiettivo la valorizzazione del patrimonio artistico della città e lo sviluppo di un progetto didattico che avvicini i giovani al mondo dell’antiquariato. Si tratta del primo “matrimonio” in Italia tra un’esposizione di antiquariato e un’istituzione culturale e didattica di così alto livello. Durante le giornate della manifestazione Antiqua raddoppia e all’interno del Museo dell’Accademia, accanto al meglio della pittura genovese dal ‘300 al ‘900, saranno esposte e contestualizzate opere di particolare pregio prestate per l’occasione da alcuni degli antiquari espositori in Fiera. Una fine selection che comprende oltre una ventina di pezzi, tra cui alcune terracotte del IV secolo A.C., tele di Pennasilico e Varni, xilografie del Seicento e un crocifisso in argento con il punzone Torretta.

In contemporanea, all’interno di Antiqua, sarà allestito un percorso che, rivisitando i masterpièces del Museo e illustrandone aspetti e curiosità nascoste, risvegli la curiosità di una visita alle sale espositive del palazzo di piazza De Ferrari progettato da Carlo Barabino. Nell’agorà di Antiqua, la piazza dedicata agli eventi, gli studenti dell’Accademia lavoreranno dal vivo al decoro su legno e di facciate genovesi.