Quantcast
Cronaca

Protesta Forconi, Silp: “Togliersi il casco? Basta demagogia sui lavoratori del Comparto Sicurezza”

Genova. Anche i poliziotti sono cittadini. Anche i poliziotti subiscono gli effetti della crisi economica.

Anche i poliziotti manifestano in piazza il proprio disappunto contro i tagli del Governo al Comparto Sicurezza

Per questo riteniamo che il sentimento di solidarietà che pervade tutte le categorie dei lavoratori rappresenti un valore sociale importantissimo.

Però bisogna fare molta attenzione ad evitare pericolose interpretazioni strumentali spesso basate su effetti mediatici che come al solito mirano alla pancia della gente.

Chi come noi rappresenta la categoria deve fare molta attenzione a dichiarazioni prese in libertà!

Guai far passare un messaggio di resa istituzionale!

Ieri a Genova, insieme a persone che manifestavano pacificamente, c’erano soggetti noti alle forze dell’ordine per i reiterati tentativi di destabilizzare una piazza che invece deve essere tutelata per l’importante ruolo sociale e democratico svolto in un momento così delicato per il Paese.

Prendiamo quindi le distanze dalle demagogiche prese di posizione che leggiamo sulle bacheche del SIULP perché danneggiano l’immagine istituzionale della Polizia di Stato.

Piuttosto sarebbe meglio analizzare il fenomeno sul territorio e chiedersi per esempio come mai ieri a Genova la Questura ha sottovalutato un servizio di ordine pubblico così delicato e ampiamente annunciato.

E’ preoccupante che a Genova dopo che il Questore ha abituato i genovesi all’utilizzo massiccio delle forze delle Forze dell’Ordine per gestire la sicurezza in città, ieri il dispositivo di ordine pubblico per la cosiddetta manifestazione dei “Forconi” sia stato garantito da non più di 50 operatori in divisa (Polizia di Stato e Carabinieri)

Come mai? Ci auguriamo che certi errori gestionali vengano valutati con attenzione e che il vortice demagogico che sta travolgendo l’immagine istituzionale delle Forze dell’ordine non funga ancora una volta da parafulmine per chi ha la responsabilità dell’ordine pubblico a Genova, scaricando su chi lavorava in piazza le conseguenze di scelte sbagliate.

Roberto Traverso, segretario provinciale Silp Cgil