Quantcast

Nuovo Palazzo dello Sport, il presidente del Coni Ottonello: “Progetto sempre più lontano. Riusciremo mai a vederlo?”

coni vittorio ottonello

Genova. Dicembre tempo di bilanci. Quello sportivo, in Liguria, è positivo. Tra eventi internazionali e promozione sportiva il 2013 che si sta per chiudere rappresenta un buon punto di partenza per il futuro della nostra Regione e per Genova che, per la seconda volta consecutiva e per la quinta in assoluto è sul podio tra le città più sportive d’Italia.

“Merito delle società, degli atleti, dei dirigenti – spiega Vittorio Ottonello, presidente del Coni Liguria – ma non certamente delle istituzioni. Da parte loro persiste una scarsa sensibilità, nonostante il massimo impegno dell’assessore regionale allo Sport Rossi, sia a livello di promozione sportiva, sia per quanto riguarda lo sport di alto livello. Mancano le risorse e questo influisce negativamente sull’intero movimento”.

Il problema forse maggiore è però quello dell’impiantistica, aspetto che da una parte vede l’eccellenza della provincia di Savona e dall’altra il grande nodo del nuovo Palazzo dello Sport di Genova. Un nome che si associa immediatamente all’ipotesi del nuovo stadio della Sampdoria, che, se realizzato, vedrebbe anche la creazione di una nuova struttura per dare maggiore slancio alle discipline sportive. “In Liguria mancano impianti sportivi e molte strutture necessitano di ristrutturazione. C’è poi il Palazzo dello Sport di Genova, un’idea che non sappiamo se riusciremo a vedere realizzata nei prossimi decenni”.

“Il progetto è sempre più lontano. Stanno venendo meno – conclude Ottonello – le motivazioni e soprattutto le opportunità che si erano profilate con il rapporto con la Sampdoria”.