Quantcast
Cronaca

Frode da 900 milioni di euro, indagato anche Garrone. Total-Erg: “Gestione corretta”

alessandro garrone

Genova. Total-Erg “ha sempre perseguito una corretta gestione e garantito il rispetto delle leggi e delle normative vigenti e confida pertanto che ciò emergerà dall’inchiesta dell’Autorità”. Lo riferisce, in una nota, la società in riferimento alle perquisizioni della Guardia di Finanza nelle sedi TotalErg per una presunta frode fiscale di oltre 900 milioni di euro.

“Fermo restando la volontà che vengano accertati al più presto i fatti – si aggiunge nella nota – la Società ritiene doveroso rispettare l’indagine in corso da parte delle Autorità, alle quali ha assicurato fin dall’inizio piena e totale
collaborazione”.

Intanto sono cinque, e tra questi anche Alessandro Garrone, ad di Erg, e Luca Bettonte, firmatario della dichiarazione dei redditi della Erg per il 2010, gli indagati per la presunta maxi frode.