Quantcast
Cronaca

Sciopero contro la legge di stabilità, Genova paralizzata: corteo in centro

stazione marittima

Genova. Sciopero nazionale a Genova e corteo contro la Legge di Stabilità, presentata dal Governo, che secondo Cgil, Cisl e Uil non realizza quella svolta necessaria al Paese per uscire dalla recessione e tornare a crescere.

Questi sono i provvedimenti che Cgil Cisl e Uil chiedono a Governo e Parlamento di modificare da subito: Rifinanziare la cassa integrazione e dare certezze a tutti i lavoratori esodati; Diminuire realmente le tasse a lavoratori dipendenti, pensionati e imprese che investono e creano buona occupazione; Ripristinare i meccanismi di indicizzazione delle pensioni, evitando così l’erosione progressiva che i trattamenti pensionistici hanno subito in questi anni; Potenziare la lotta all’evasione fiscale attraverso la revisione del sistema di sanzioni.

Inoltre rivedere e correggere gli elementi d’iniquità e rigidità introdotti dalle norme Fornero sul sistema previdenziale pensionistico. Per il settore pubblico, anche per difendere e riqualificare l’insieme dei servizi, Cgil Cisl Uil chiedono di dare certezza alla stabilizzazione dei precari e riconoscere e valorizzare, ripristinando il contratto nazionale, le professionalità dei dipendenti pubblici.

“L’insieme di questi interventi è necessario per far crescere la domanda interna, condizione essenziale per favorire lo sviluppo del nostro sistema produttivo e dei livelli occupazionali di Genova e dell’intero Paese” spiegano i sindacati, che per sostenere queste proposte hanno deciso di proclamare quattro ore di sciopero nazionale di tutte le categorie.

A Genova il corteo partirà dalla Stazione Marittima di Via Ponte dei Mille e percorrerà Via Gramsci, Piazza Nunziata, Gallerie G. Garibaldi e N. Bixio, Largo E. Lanfranco/Via Roma, dove si terranno i comizi conclusivi presso la sede della Prefettura.

Ecco i settori che aderiscono allo sciopero: metalmeccanici, settori elettrico energia petrolio gas acqua chimico farmaceutico gommaplastica tessile ceramica vetro, ricerca, comunicazione, tipografia, telefonia, enti pubblici (agenzie fiscali, autonomie locali, dirigente p.i., enti pubblici non economici, ministeri, regione, sanità pubblica e privata, terzo settore).

Previsti disagi anche per i pendolari, visto lo sciopero dalle 13 alle 17. Per quanto riguarda Amt, invece, bus fermi dalle 09.35 alle 13.35 e per Atp sciopero dalle 10.30 alle 14.30.