Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rapina in villa a Camogli, armati di spranghe sequestrarono madre e figli: si indaga su altri colpi

Camogli. Armati di spranghe avevano fatto irruzione nella villa Stella Maris di Camogli e avevano chiuso in bagno e sequestrato una turista inglese e i suoi due figli piccoli, portandosi via un ricco bottino in gioielli. A distanza di quasi due anni i carabinieri di Santa Margherita Ligure hanno tratto in arresto uno dei due banditi.

rapina villa camogli, arresto

A finire in manette nelle scorse ore un albanese di 24 anni, che è stato
bloccato dai militari nell’hinterland milanese. Ancora latitante, invece, il complice 31enne, che è già stato identificato, ma ancora non catturato. Quello che colpì subito in questa rapina fu la violenza e la spregiudicatezza dei due malviventi, che potrebbero aver messo a segno altre azioni simili a questa.

“E’ stata un’indagine molto complessa, che ha portato ad individuare gli autori della rapina compiuta il 24 novembre 2011 – spiega il maggiore Antonio De Rosa, comandante dei carabinieri di Santa Margherita – armati di spranghe, avevano sequestrato i turisti inglesi e dopo averli rinchiusi in bagno, avevano saccheggiato la casa”.

Elementi determinanti per riuscire ad arrivare ai due banditi alcune impronte trovate dalla sezione Rilievi nella villa e le immagini di alcune telecamere della zona, nonché le testimonianze. “Gli accurati accertamenti sul posto, insieme alle testimonianze, alle immagini tratte dalle telecamere e alle analisi del Ris di Parma, hanno consentito di individuare i due responsabili ed emettere le misure cautelari. Un arresto è avvenuto nelle ultime ore a Milano, mentre l’altro rapinatore è ancora latitante”.

Durante le indagini è emerso anche un altro elemento. I due rapinatori potrebbero essere stati gli artefici di altri casi simili a quello di Camogli. “Adesso stiamo facendo gli approfondimenti per vedere se tutti gli elementi riconducono a loro”, conclude il maggiore De Rosa.