Quantcast
Sport

Pallanuoto femminile, la sosta rigenera Rapallo e Bogliasco: entrambe ripartono vincendo

sport

Rapallo. Torna alla vittoria il Rapallo. Dopo il passo falso di Firenze che ha preceduta la pausa di campionato, le gialloblù si riscattano e conquistano i 3 punti nella partita giocata contro il Plebiscito Padova.

Fischio d’inizio preceduto da un minuto di silenzio in ricordo delle vittime dell’alluvione in Sardegna. Un momento di riflessione, poi via alla partita. Sblocca il risultato Bianconi per il Rapallo in superiorità; dalla parte opposta pareggia Dario.

Si porta avanti il Rapallo con le reti di Frassinetti in superiorità numerica (poco dopo il capitano del Rapallo prova a ripetersi ma non ha fortuna e la palla si ferma sulla linea di porta dopo aver centrato la traversa) e ancora con Sonia Criscuolo e Dora Kisteleki. Per Padova a segno Ilaria Savioli. Il primo parziale termina sul 4 a 2 per le padrone di casa.

Secondo tempo. Padova cerca il pareggio e accorcia le distanze con Rocco; replicano Rambaldi (in superiorità), Queirolo e successivamente Claudia Criscuolo, che concretizza un rigore. Sul tiro fuori dallo specchio della porta di Roberta Bianconi si chiude il parziale con il Rapallo che conduce per 7 a 4.

Cambio campo, subito in attacco il Padova ma Stasi nega l’esultanza a Lascialandà. L’azione del Plebiscito ha esito positivo poco dopo con il gol di Klaassen. Dalla parte opposta ci prova Cotti, ma la conclusione non impensierisce il portiere Teani. Segna invece Queirolo, sfruttando la superiorità numerica. Fine parziale, Rapallo avanti di 3 lunghezze.

Ultima frazione di gioco e Padova che tenta il colpaccio; ci prova con Martina Savioli che supera Solveig Stasi. Qualche errore di troppo delle gialloblù in fase conclusiva va a vantaggio delle avversarie, che vanno ancora a segno con Dario. Solo un gol separa le due squadre, ma quando la partita volte alle battute finali è Aleksandra Cotti a mettere in cassaforte il risultato.

Finisce 9 a 7, il Rapallo conquista 3 punti importanti per non perdere il passo della capolista Orizzonte Catania, che ieri ha vinto contro l’Imperia.

“Abbiamo commesso qualche errore di troppo sotto porta, ma era da mettere in conto: ci siamo rivisti solo giovedì a ranghi completi dopo una pausa di dieci giorni e reduci da una sconfitta, quindi il tempo per preparare la partita è stato limitato – commenta l’allenatore in seconda del Rapallo Pallanuoto, Claudio Patrone –. Alla fine si è vista un po’ di stanchezza tra chi nei giorni scorsi era impegnata con il Setterosa e chi, in questo periodo, ha avuto a che fare con attacchi influenzali. Ma è andata bene così, l’importante era vincere. Ora vedremo di recuperare le forze in vista della partenza per l’Olanda (il Rapallo sarà impegnato nella fase preliminare di Eurolega femminile dal 28 novembre al 1 dicembre), dove le partite si concentrano in tre giorni e il recupero sarà fondamentale. Andare in Olanda forti della vittoria di oggi è comunque importante per il morale della squadra”.

Il tabellino:
Rapallo Pallanuoto – Plebiscito Padova: 9-7
(Parziali: 4-2, 3-2, 1-1, 1-2)
Rapallo Pallanuoto: Stasi, Gragnolati, Zerbone, Kisteleki 1, Queirolo 2, Bianconi 1, Bonino, S. Criscuolo 1, C. Criscuolo 1, Rambaldi 1, Cotti 1, Frassinetti 1, Risso. All. Sinatra.
Plebiscito Padova: Teani, Barzon, I. Savioli 1, Sganzerla, M. Savioli 1, Klaaassen 3, Verde, Dario 1, Rocco 1, Gottardo, Nencha, Lascialandà, Agosta. All. Posterivo.
Arbitri: Piano e Pinato.
Note: uscite per limite di falli I. Savioli nel secondo tempo e Queirolo nel quarto; superiorità numeriche 7 su 11 più 1 rigore segnato per il Rapallo, 3 su 11 per il Plebiscito.

Bene anche il Bogliasco, corsaro a Bologna. Una vittoria voluta fortemente e alla fine ottenuta. Patita non facile. Prima frazione di gioco a favore delle padrone di casa, secondo tempo di marca bogliaschina, con le ragazze di capitan Falconi che chiudono a + 1. Terzo tempo difficile: troppa fretta nelle conclusioni e Bologna che rinviene. Ultima frazione di gioco tutta in biancoceleste, nei modi e nei tempi.

Krisztina Zantleitner allenatrice Rari Nantes Bogliasco, dichiara: “Era una partita difficile, abbastanza equilibrata ma alla fine abbiamo trovato la soluzione per vincerla. Abbiamo giocato con più calma soprattutto nel quarto tempo. In precedenza cercando di chiudere abbiamo affrettato sbagliando molto. Bene sia la difesa, sia l’attacco”.

Il tabellino:
Rari Nantes Bologna – Rari Nantes Bogliasco 7-9
(Parziali: 3-2, 0-2, 4-2, 0-3)
Rari Nantes Bologna: Giancristofaro, Stefanini, Lenzi, Mina, Rendo, Barboni 1, D’Amico, Manzoni, Arancini 4, Budassi 1, Calabrese, Pasquali 1, Ghedini. All. Grassi.
Rari Nantes Bogliasco: Falconi, Viacava 1, Rossi, Dufour, A. Millo 2, Gallone, Maggi 2, Trucco, Boero, Takacs 3, Di Fiore, Tagliaferri 1, Casareto. All. Zantleitner.
Arbitri: L. Bianco e Fusco.
Note: nessuna uscita per limite di falli; superiorità numeriche 1 su 3 per il Bologna, 1 su 4 più 1 rigore annullato per il Bogliasco.