Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Liguria, la legge “svuota carceri” non decolla. Sappe: “Le uscite dagli istituti sovraffollati sono minime”

Più informazioni su

Liguria. Stenta a decollare in Liguria il decreto “svuota carceri” convertito in legge lo scorso agosto, almeno nella parte che ipotizzava l’uscita “certa e immediata” dai penitenziari italiani di migliaia di detenuti. Lo scrive in una nota il segretario regionale del Sappe Liguria Roberto Martinelli.

“La rilevazione mensile sull’affollamento delle carceri liguri contava 1.775 persone detenute lo scorso 31 ottobre, rispetto ai poco meno di mille posti letto regolamentari. Addirittura 5 in più rispetto alle presenze di un mese prima, il 30 settembre 2013, quando i detenuti in carcere erano 1.770. E da fine agosto a fine ottobre i detenuti in Liguria sono calati per un numero complessivo di sole 17 unità, un dato assolutamente insignificante”.

“Non abbiamo i dati di quanti non sono entrati in carcere per effetto del decreto legge, che prevede che il magistrato possa disporre il ricorso ai domiciliari anziche’ la custodia cautelare in carcere per coloro che commettono reati con una pena prevista fino ai 4 anni, ma le uscite sono state assolutamente minime – scrive Martinelli – Quasi il 60% dei detenuti in Liguria è in attesa di un giudizio definitivo mentre quasi mille sono gli stranieri. I dati delle varie sedi penitenziarie liguri ci dicono molto: a Chiavari c’erano 74 detenuti a fine ottobre rispetto ai 69 presenti a fine settembre ed alla capienza regolamentare di 49 posti letto; a Pontedecimo oggi ci sono 171 ristretti, un mese fa erano 168 mentre i posti letto sono 96; a Imperia 104 presenti, 101 un mese fa per 69 posti letto; La Spezia conta 246 ristretti, che erano 1 di più un mese fa mentre 144 i posti; Savona sono 65, uno in meno ce n’era a fine settembre mentre i posti sono 36. Sanremo aveva 329 detenuti a fine settembre, oggi sono 323 per 209 posti letto mentre Marassi vede, oggi come un mese fa, 792 presenze per 450 posti letto”.